Tecnologia

Audi: la trazione integrale quattro diventa ultra


Avatar Redazionale , il 19/02/16

5 anni fa - Una trazione quattro più leggera per risparmiare caburante

Audi presenta una trazione quattro più leggera per risparmiare caburante. Debutta sulla A4 Allroad

Benvenuto nello Speciale SALONE DI GINEVRA 2016, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SALONE DI GINEVRA 2016 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

LIGHT Una trazione integrale più leggera (-4 kg) ed efficiente, che farà risparmiare – dice Audi – 0,3 litri di carburante ogni 100 km: è la trazione integrale quattro con tecnologia Ultra, primizia tecnica della nuova Audi A4 Allroad quattro 2016, prossimamente disponibili su altri modelli della flotta di Ingolstadt.

CALCOLATRICE Dietro al risparmio, c’è l’elettronica. Sensori a pioggia e chip bravissimi in matematica leggono la situazione – di guida – e in base a dei parametri (la differenza di rotazione tra gli assi, l’accelerazione laterale e longitudinale, l’angolo di sterzata, l’erogazione di coppia, ecc.) innescano la trazione integrale quando è necessario. Il risultato è una trazione quattro sempre pronta ad entrare in funzione a seconda delle esigenze di guida. In condizioni di marcia normali, con bassi carichi, e in assenza di pattinamento, la nuova trazione quattro fa viaggiare l’auto in 2WD.

VEDI ANCHE

TRE FASI Qualora invece la trazione integrale diventi necessaria, questo sistema la rende direttamente disponibile. L’attivazione della trazione integrale si realizza attraverso tre step: proattiva, predittiva e reattiva. Prima, basandosi sui calcoli, la centralina rileva per esempio il punto in cui, durante la marcia in curva a velocità elevata, la ruota anteriore interna raggiunge il limite di aderenza.

ANTISCIVOLO Poi, in una seconda fase la centralina quattro prende in considerazione lo stile di guida del conducente, lo stato dell’ESC, la modalità drive select impostata (in Sport, ad esempio, la trazione integrale entra prima) e il riconoscimento del rimorchio. Infine, il sistema reagisce a cambiamenti improvvisi del coefficiente di attrito, in caso – magari – di un lastrone di ghiaccio sotto le gomme. Il fine è sempre lo stesso: minimizzare l’intervento allo stretto necessario per la sicurezza, evitando sprechi nei consumi. 


Pubblicato da Redazione, 19/02/2016
Gallery
salone di ginevra 2016
Logo MotorBox