Autore:
Luca Cereda

DEI DUE MONDI La differenza tra Europa e America passa anche sotto i cofani delle auto. Prendete la Lexus LC, ad esempio: soltanto un mese fa la stessa auto sfilava a Detroit con un V8 5.0 litri aspirato da 467 cv, e ora si presenta al Salone di Ginevra 2016 in versione ibrida.

IBRIDO DUEPUNTOZERO In realtà la novità è più succosa di quel che appare sulla carta. Con la Lexus LC 500h, infatti, debutta un sistema ibrido di seconda generazione: il “Lexus Multi Stage Hybrid System”. Il nuovo schema prevede un V6 3.5 litri benzina da 300 cv e 348 Nm supporttato da un motore elettrico (a sua volta collegato a un cambio automatico a quattro marce) ed eroga una potenza di sistema di 354 cavalli. Le batterie al litio sono invece stivate dietro i sedili posteriori. Così configurata, la Lexus LC 500h brucia lo 0-100 in 5'' netti.

PESO-FORMA Ricorrendo a componenti leggere, il nuovo sistema ibrido mantiene una massa paragonabile a quello precedente. La Lexus LC 500h è molto attenta alla bilancia, e per questo monta cofano, parafanghi e nuove sospensioni anteriori (multilink) in alluminio, mentre la parte interna di tetto e portiere è in fibra di carbonio. Insieme all’ibrido, infine, debutta anche la piattaforma GA-L a trazione posteriore.

 

 


TAGS: salone di ginevra 2016 novità salone di ginevra 2016 lexus lc 500h lexus lc ibrida lexus lc hybrid novità ginevra