Autore:
Andrea Rapelli

RUOTA ALTA E' innegabile: in città, gli scooter a ruota alta hanno un bel perché. Slalomeggiare fra le auto in coda, evitare il genio che esce dallo stop senza guardare: tutte cose che con lo Yamaha Xenter 150 (si pronuncia ics-enter, please) riescono piuttosto bene. 

PICCOLEZZE Metteteci anche il manubrio piuttosto stretto, per sfilare fra le auto in coda senza fatica, il parabrezza alto e il bauletto capace di ospitare un casco (di serie), la pedana piatta e generosa, il gancio portaborse e perfino l'intelligente sportellino sotto il quadro strumenti, ottimo per ospitare il telecomando del cancello. 

PREZZO Il tutto a 2.790 euro, poco più rispetto ad un Piaggio Liberty 150 (2.590 euro) e un bel po' meno rispetto al grande classico Honda SH150i (3.330 euro) e al Piaggio Medley 150 (3.300 euro). 

PARTICOLARE Il bello dello scooter Yamaha, però, va ricercato anche nella qualità costruttiva, alta, e in alcune soluzioni tecniche particolari. Il motore monocilindrico da 11,6 kW e 14,8 Nm oscilla, come sulla maggior parte degli scooter. Tuttavia, non ci sono come sulla maggior parte degli scooter biellette o silent-block nel fissaggio al telaio: il motore è fissato con un perno in un solo punto, quasi fosse un forcellone. Aiutato da un bel mono praticamente orizzontale, proprio come sulle moto.

VIRA STABILE Cosa significa? Che potete dire addio a quella sgradevole elasticità e vaghezza in curva tipica degli scooter: grazie alla struttura della sospensione posteriore lo Xenter è stabile in piega e, quando incontrate un tombino, state certi che lui riuscirà ad assorbire più che decentemente il colpo. Soprattutto se viaggiate da soli e con poco carico.

RADIATORE IN FIANCO Le finezze tecniche non sono finite: per far posto al doppio faro anteriore, che impreziosisce la linea, i tecnici Yamaha hanno spostato il radiatore lateralmente, raffreddandolo con una ventola apposita. Così, non c'è bisogno di lunghi tubi per far circolare il liquido di raffreddamento: ergo, un altro risparmio sul portafoglio del cliente.

VIBRA ZERO La convivenza con Xenter procede serena. La sella (a 785 mm da terra) è ospitale anche per due - il passeggero può contare su un comodo schienalino sul bauletto - e lo scudo, sommato al parabrezza, offre un'ottima protezione aerodinamica. Il motore è un altro punto forte: non vibra, è regolare e fluido nel prendere i giri, non difetta nello spunto al semaforo. Una volta lanciato, raggiunge senza troppa fatica i 110 km/h indicati.

SCORRE BENE Ecco perché la classica puntata fuoriporta non è esclusa a priori. Anche per merito di una forcella che scorre bene, assorbe quando serve e si fa più sostenuta quando l'asfalto è meno butterato e le velocità crescono.

FRENATA COMBINATA La potenza al disco anteriore da 267 mm di diametro non manca, mentre dietro bisogna fare affidamento su un tamburo. Inoltre, non c'è possibilità di avere l'ABS, offerto invece dalla maggior parte dei rivali. Lo Yamaha Xenter 150 ha però la frenata combinata: tirando la leva destra si frena solo davanti, agendo sulla sinistra il sistema ripartisce la potenza frenante tra disco e tamburo.

IN QUESTO SERVIZIO
CASCO GIVI 12.3 STRATOS Un jet di taglio classico, non troppo fasciante sulle guance, caratterizzato da due prese d'aria apribili sulla calotta (realizzata in materiale termoplastico). La calzata è comoda, la chiusura è a regolazione micrometrica e non manca il viserino parasole: si estrae con una leva sulla parte sinistra e scompare con la semplice pressione di un tastino. Gli interni sono sfoderabili e lavabili, il peso raggiunge i 1.150 grammi. Cinque colori, taglie dalla XS alla XXL. Prezzo: 128 euro

GIACCA TUCANO URBANO MARLON Questa giacca corta per la stagione estiva è decisamente furba: il tessuto in poliestere traforato permette grande traspirazione sotto il solleone ma, al contempo, grazie all'interno antipioggia e antivento il fresco della sera (o un eventuale acquazzone) non fanno paura. Comode le regolazioni con automatici sulle braccia, intelligenti gli inserti riflettenti che escono dai polsini. Il tutto a 149 euro, in tre colori (marrone, verde, nero) e taglie da S a 3XL.

GUANTI TUCANO URBANO ADAMO Sono leggeri, corti e destinati a un uso prevalentemente cittadino. Offrono una calzata perfetta, grazie al dorso in maglia tecnica elasticizzata, e sono realizzati con pelle morbidissima che garantisce una sensibilità eccellente nella guida. Prezzo: 37 euro. Taglie: S-XXL

PANTALONI TUCANO URBANO GINS Hanno tasche per le protezioni su ginocchia e anca ma anche senza di esse fanno sentire protetti grazie al maggior spessore del tessuto in queste aree critiche. Eppure risultano comodi e non rigidi e le cuciture aggiuntive per le tasche di cui sopra non si sentono. Sono fatti in denim di cotone con trattamento idrorepellente, non di meno non fanno sudare e anzi danno sempre una piacevole sensazione di traspirazione. Le bandelle ad alta visibilità? Ci sono ma non danno nell'occhio: una buona notizia per chi non ama indossare capi dal look troppo tecnico. Prezzo: 95 euro

SCARPE TCX X-STREET EVO WATERPROOF Fanno parte della linea Urban ma queste scarpe si possono usare senza patemi anche per gite più lunghe. Modaiole ed eleganti, hanno una tomaia in pelle pieno fiore trattata stile vintage e rinforzi su punta, tallone e malleoli. Non bastasse, sono anche impermeabili. Occhio che vestono larghe: può anche andar bene un numero in meno rispetto al solito. Le taglie vanno dalla 36 alla 48 e c'è anche la versione lady.


TAGS: test review yamaha xenter 150 prova yamaha xenter 150 2017 prove moto 2016