Autore:
Simone Valtieri

TERZO PODIO Con la conferenza stampa del giovedì si apre ufficialmente il weekend del Gran Premio d'Austria di Formula 1. Per Charles Leclerc questo appuntamento arriva a meno di una settimana dal suo terzo podio in carriera, ancora una volta un terzo posto al termine della bella gara per lui di Le Castellet. Il monegasco ha ripreso nel finale Valtteri Bottas ma al di là di questo episodico fatto, non ha potuto nulla contro lo strapotere Mercedes. 

MERCEDES LONTANA "Al momento è piuttosto difficile riprenderli" - ha esordito Charles davanti ai microfoni della FOM - "Loro sembrano molto veloci e lo sono stati estremamente al Paul Ricard specialmente sul passo gara, noi ci stiamo concentrando su noi stessi per fare il miglior lavoro possibile ma a esser onesti è molto difficile stare al loro livello. Ho ripreso Valtteri perché ha faticato parecchio con il secondo set di gomme, noi l'abbiamo gestito bene mentre loro hanno avuto un po' di blistering, ma se non hanno problemi è molto difficile sfidarli alla pari."

NUOVO APPROCCIO "Cerchiamo sempre di fare del nostro meglio" - ha proseguito Leclerc - "Ho avuto un buon weekend dopo alcuni in cui ho faticato un po' di più ed è stato bello, ma dobbiamo continuare a lavorare così. A partire dalla Francia ho cambiato l'approccio alle qualifiche, un cambiamento fatto insieme al team e che è stato positivo. Nello specifico abbiamo lavorato sull'approccio e l'assetto, e cercato di anticipare l'evoluzione della pista che su alcune è più rilevante che su alre. In passato, quando è successo che mi sentivo meglio nel Q1, poi andava meno bene nel Q2 e ancora peggio nel Q3. Abbiamo cercato di analizzare l'accaduto e capito cosa lasciare da parte in Q1 per avere la macchina nella condizione migliore per il Q3."

S&S Charles ha poi parlato di circuiti, quello entrante di Spielberg e quello di Londra che potrebbe prendere in futuro il posto di Silverstone, stando alle parole del sindaco della capitale britannica. "Io adoro questa pista, è una delle mie preferite, è una pista corta mi ricorda i tempi dei go-kart, se si sbaglia qui si paga caro, ma non c'è pressione ulteriore per le qualifiche. Un GP a Londra? Mi piacciono i circuiti cittadini, sono i miei preferiti, ma in questo caso preferirei che la gara restasse a Silverstone..."

FRENI A Leclerc viene anche chiesto un parere su quanto affermato in settimana da Nico Rosberg, ossia che la Ferrari non ha alcuna possibilità di recuperare su Mercedes: "Noi ci crederemo fino alla fine, siamo tutti consapevoli che il gap con la Mercedes è piuttosto ampio e sarà molto difficile recuperare" - ha intanto spiegato Leclerc - "Però non molleremo finché non sarà impossibile aritmeticamente vincere, daremo tutto però è vero, il divario è piuttosto ampio."

CRISI Infine Leclerc ha espresso la sua opinione anche sull'apertura da parte del boss del ramo tecnico della Formula 1, Ross Brawn, che ha indicato nel coinvolgimento dei piloti un possibile passo verso la soluzione alla crisi di spettacolo che sta iniziando ad attanagliare la Formula 1: "Ha ragione" - spiega Charles - "Siamo noi a salire in macchina e abbiamo opinioni piuttosto forti su quello che c'è da fare, siamo d'accordo tra noi su alcuni punti e speriamo di venire ascoltati, se ci sarà la possibilità di partecipare speriamo di poter essere utili al nostro sport, che credo attualmente non sia nel suo stato di forma migliore. Ci sono alcune cose che possiamo fare per migliorarlo in modo significativo, già avere una griglia più corta aiuterebbe, con macchine in grado di seguirsi più da vicino per agevolare i sorpassi, sono questi i punti su cui siamo un po' tutti d'accordo."


TAGS: ferrari formula 1 vettel gp austria Charles Leclerc leclerc f1 2019 AustrianGP 2019