GP Austria: zampata Verstappen, Red Bull in prima fila
F1 2019

Verstappen piazza la zampata, la Red Bull è in prima fila


Avatar di Salvo Sardina , il 30/06/19

2 anni fa - Le dichiarazioni dei piloti Red Bull dopo le qualifiche del GP Austria

Sarà la prima fila più giovane della storia, con l'olandese secondo dopo la penalizzazione a Hamilton. Delude invece Gasly, ottavo

Benvenuto nello Speciale AUSTRIANGP 2019, composto da 36 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario AUSTRIANGP 2019 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

ZAMPATA MAX Nella conferenza stampa del giovedì non si era mostrato particolarmente fiducioso di poter ripetere l’exploit della passata stagione. “Ci vorrà una grande dose di fortuna”, aveva detto Max Verstappen alla vigilia del weekend sulla (da sempre ostica per via del motore) pista di casa. Il talento olandese, intanto, oggi partirà dalla seconda casella, a comporre insieme a Charles Leclerc l’accoppiata più giovane di sempre in prima fila. Un risultato che forse non sembrava nelle corde delle Red Bull, almeno tanto quanto la vittoria di 12 mesi fa. Eppure…

RISULTATO FANTASTICOSono molto contento, è un risultato fantastico – ha spiegato il ventunenne al termine delle qualifiche – specialmente perché arriva su un circuito che non è certo semplice per noi. Per tutto il fine settimana abbiamo avuto un grandissimo sostegno, la macchina sembra averne tratto beneficio ed è andata meglio rispetto al solito. Sono felice, questo tifo in nostro favore mi dipinge un gran sorriso sulla faccia. Essere così vicini al poleman è un gran passo in avanti, anche la Honda ha fatto un ottimo lavoro riuscendo a estrarre ancora un po’ di potenza dalla power unit. Non ho potuto completare un long run nelle libere, ma di solito in gara andiamo ancora meglio, per cui speriamo di poter regalare a questi ragazzi una bella soddisfazione”.

VEDI ANCHE



DELUSIONE GASLY L’altra faccia della medaglia Red Bull è quella di un deludente Pierre Gasly, alla fine ottavo dopo l’arretramento in griglia di Kevin Magnussen, ma comunque alle spalle anche della McLaren di Lando Norris e delle due Alfa Romeo di Raikkonen e Giovinazzi. Non certo un buon biglietto da visita, specie in un momento di crisi di prestazioni e risultati: “Sono arrabbiato con me stesso per non essere riuscito a mettere insieme un giro buono quando contava. Non ho svolto bene il mio lavoro in Q3 e sarà qualcosa sulla quale mi dovrò concentrare. Avevamo un buon ritmo, abbiamo fatto un passo avanti sul piano delle performance e ci sono tante cose positive da prendere nelle prime due sessioni di qualifica. Ho commesso alcuni errori nel momento decisivo, altrimenti saremmo stati almeno quinti. Guardo però avanti, la macchina è veloce e dobbiamo cercare di capire come migliorare le cose con la strategia”. Il francese partirà con gomme Soft, le stesse scelte dal poleman Leclerc e da Sebastian Vettel.


Pubblicato da Salvo Sardina, 30/06/2019
AustrianGP 2019
Logo MotorBox