Autore:
Salvo Sardina

NIENTE SILLY SEASON Se c’è una cosa che, almeno per il momento, lascia dormire sonni tranquilli ai vertici della Ferrari, è la line-up piloti. L’ultimo Gran Premio di Austria ha ulteriormente confermato la forza, la preparazione e le performance di Charles Leclerc, con “capitan” Sebastian Vettel autore di un’ottima gara condizionata però da un problema tecnico nel corso delle qualifiche che lo ha costretto a scattare dalla nona casella in griglia. Logico che, con una coppia così, che si rispetta e collabora senza frizioni, il team principal Mattia Binotto si guardi bene dal cercare possibili alternative.

IL (NON) CASO SEB Il tutto, ovviamente, al netto di imprevedibili e improvvise scelte di Seb. Non è un mistero infatti che il quattro volte iridato sia un po’ insofferente alla troppa politica presente nel circus, deluso dalla direzione tecnica presa dalla Formula 1 dal 2014 in poi e costantemente circondato da speculazioni su un possibile ritiro a fine stagione. Proprio al Red Bull Ring, nel consueto incontro con i giornalisti di scena al giovedì, il tedesco ha però ancora una volta smentito le voci: “Per quanto ne so, sarò qui anche l’anno prossimo. Tutti sanno che questo non è più lo sport di cui mi sono innamorato quando ero bambino, ma se dovessi commentare tutte le speculazioni sul mio conto allora dovrei passare molto più tempo in conferenza stampa”. Mentre tutto è ancora da scrivere – regolamenti compresi – in ottica 2021, allo stato attuale è dunque difficile immaginare un Vettel lontano dalla Ferrari nella prossima stagione.

BINOTTO SPEGNE IL MERCATO A spegnere ulteriormente la silly season di casa Ferrari ci ha pensato proprio il team principal del Cavallino a margine della vittoria sfumata nel Gp d’Austria. Mattia Binotto ha infatti chiarito ai microfoni di Sky Sports di non aver messo nel mirino Verstappen, oltretutto grandissimo rivale di Leclerc sin dai tempi delle durissime battaglie sui kart: “Max? Non siamo interessati a ingaggiarlo. Posso confermare quello che ha detto Vettel, abbiamo due piloti sotto contratto per l’anno prossimo e siamo molto contenti. La nostra formazione è ben definita per il 2020 e non ci sono motivi per cambiare. Sono convinto che prima o poi arriverà il tempo di Charles, è molto deluso per il risultato del Red Bull Ring, ma noi abbiamo fiducia in lui”.


TAGS: ferrari formula 1 vettel f1 verstappen binotto leclerc mercato piloti f1 2019 AustrianGP 2019