Autore:
Simone Valtieri

POLE DELLA MATURITÀ Seconda pole in carriera per Charles Leclerc, ma se quella del Bahrain era la pole della spensieratezza e della supremazia manifesta della Ferrari sul tracciato arabo, quella di oggi al Red Bull Ring di Spielberg è la pole della maturità, costruita mattoncino dopo mattoncino sina dalla prima sessione di prove libere. Charles e la squadra hanno lavorato all'unisono, migliorando attraverso le sessioni e facendo il miglior tempo ogni volta che scendeva in pista in qualifica. Con l'ultimo tentativo è arrivato anche il record del tracciato, 1'03"003, a solo 3 millesimi dalla barriera dei 63" e 1 decimo e spiccioli meglio del precedente primato appartenente alla Mercedes di Valtteri Bottas (2018).

SODDISFAZIONE "La macchina mi ha dato sensazioni fantastiche" - ha esordito Leclerc appena sceso dalla sua SF90 intervistato da Jenson Button - "Nelle PL1 abbiamo apportato qualche cambiamento e le PL2 sono state molto buone, mi ha dato grandi sensazioni guidare questa macchina al limite e sono molto contento di aver portato a casa la pole position. Ma è domani la giornata che conta per davvero."

INCOGNITA GOMME Il monegasco parte ora con i favori del pronostico nella gara di domani, che però sarà lunga e caldissima da affrontare. Soprattutto ci sarà l'incognita gomme, visto che sia lui che Vettel (decimo per un problema al motore) scatteranno con mescola Soft, mentre tutti i principali rivali (Hamilton, Verstappen e Bottas) utilizzeranno la mescola Medium. "Pensiamo di aver preso la strada giusta e siamo contenti della scelta che abbiamo fatto." - ha commentato a tal proposito il monegasco - "Vedremo quello che succederà domani in gara, ci sarà molto caldo, sarà dura fisicamente, ma anche per le componenti meccaniche sarà una sfida. Sarà difficile, dobbiamo gestire bene tutti gli aspetti e speriamo di fare un buon risultato."


TAGS: ferrari formula 1 f1 gp austria red bull ring Charles Leclerc leclerc f1 2019 AustrianGP 2019 F1 Spielberg