Autore:
Giulio Scrinzi

PARTENZA A FIONDA Pronti, via e Sebastian Vettel vola. È suo, infatti, il miglior tempo del venerdì di libere sul circuito di Suzuka, fatto segnare durante le FP1 disputate sull'asfalto asciutto. Un impressionante 1'29''166 che ha spazzato via il precedente record di Nico Rosberg, centrato lo scorso anno in qualifica. La Scuderia di Maranello ha voluto dimostrare subito di essere competitiva in Giappone e ci è riuscita alla grande: la SF70H, anche su una pista che sulla carta dovrebbe favorire la Mercedes, è velocissima e ha tutte le carte in regola per contrastare l'armata delle Frecce d'Argento.

ALL'INSEGUIMENTO Di fronte a tale superiorità, le W08 di Brackley hanno dovuto abbassare la cresta sull'ottovolante giapponese: primo tra tutti Lewis Hamilton, che si è dovuto accontentare della seconda migliore prestazione di giornata a 211 millesimi dal rivale in rosso. Rispetto alla Malesia, la sua Mercedes ora dispone di quel pacchetto aerodinamico inizialmente testato in esclusiva dal compagno di squadra Bottas, dei miglioramenti che, però, stanno dando la sensazione di non essere esattamente all'altezza delle prestazioni messe in campo dalle Rosse di Maranello.

CI SIAMO ANCHE NOI Buona la performance della Red Bull, almeno quella di un Daniel Ricciardo capace di arpionare il gradino più basso del podio provvisorio. Nonostante il suo distacco sia di 375 millesimi dalla SF70H di Vettel, la RB13 ha mostrato un passo convincente come ha saputo fare in Malesia. Quantomeno con l'australiano che, quindi, avrà anche in Giappone l'opportunità di lottare per le posizioni che contano.

FINLANDESI A CONFRONTO Quarta e quinta piazza per i due finlandesi presenti in griglia, rispettivamente Kimi Raikkonen e Valtteri Bottas. Il secondo, però, ha mostrato delle grosse difficoltà nel reggere il confronto con il suo connazionale, visto che il suo margine dalla vetta si è assestato in 985 millesimi rispetto al mezzo secondo di Iceman. Un'ulteriore dimostrazione dei recenti problemi che sta attraversando la seconda guida della Mercedes, nonostante una macchina che è comunque in grado di lottare per il gradino più alto del podio.

SAINZ VA A MURO Ma la sorpresa del primo turno di libere è... Carlos Sainz Jr: lo spagnolo, infatti, ha costretto gli stewards ad esporre la bandiera rossa a causa di un botto all'uscita del tornantino che ha letteralmente distrutto la sua STR12. Nonostante ciò, si è preso la soddisfazione di tenersi dietro il giovane pupillo del team di Faenza, un Pierre Gasly che non ha brillato alla luce del suo, deludente, 18esimo tempo.

TUTTI GLI ALTRI Si è aggiudicato il premio di “primo degli altri” a Suzuka il francese della Force India, un Esteban Ocon sesto preceduto di poco dal giovane Max Verstappen e leggermente più veloce del tedesco Nico Hulkenberg. Hanno completato la top ten Romain Grosjean, al ritorno dopo i fatti della Malesia che l'hanno visto protagonista di quell'incidente nelle prove libere a causa di un tombino poco propenso nel stare al proprio posto, e Stoffel Vandoorne, abile nel precedere sia Magnussen che il compagno di squadra Fernando Alonso.

FP2: LA PIOGGIA LIMITA (QUASI) TUTTI Il secondo turno di libere, invece, è stato sostanzialmente inutile, dal momento che è stato condizionato da un violento acquazzone che ha ritardato l'avvio della sessione di ben 45 minuti. A quel punto Charlie Whiting ha dato il via libera ai piloti, ma solo cinque coraggiosi sono riusciti a firmare dei tempi, tra l'altro di molto distanti da quelli del mattino. Davanti a tutti si è imposto Lewis Hamilton con un 1'48''719 con il quale ha tenuto a distanza entrambe le Force India di Ocon e Perez ma anche le due Williams di Massa e Stroll. Tutti gli altri hanno preferito limitare il loro lavoro con un semplice installation lap, conservando le gomme da pioggia per le FP3 di domani che potrebbero essere disputate di nuovo sotto l'acqua.

CLASSIFICA DI GIORNATA Qua di seguito la classifica aggiornata al primo turno di libere disputato sul circuito di Suzuka, in Giappone.

PILOTA TEAM TEMPO GAP
1. Sebastian Vettel Ferrari 1'29''166  
2. Lewis Hamilton Mercedes 1'29''377 +0.211
3. Daniel Ricciardo Red Bull Racing 1'29''541 +0.375
4. Kimi Raikkonen Ferrari 1'29''638 +0.472
5. Valtteri Bottas Mercedes 1'30''151 +0.985
6. Max Verstappen Red Bull Racing 1'30''762 +1.596
7. Esteban Ocon Force India 1'30''899 +1.733
8. Nico Hulkenberg Renault 1'30''974 +1.808
9. Romain Grosjean HAAS 1'31''032 +1.866
10. Stoffel Vandoorne McLaren-Honda 1'31''202 +2.036
11. Kevin Magnussen HAAS 1'31''216 +2.050
12. Fernando Alonso McLaren-Honda 1'31''235 +2.069
13. Sergio Perez Force India 1'31''530 +2.364
14. Lance Stroll Williams 1'31''602 +2.436
15. Jolyon Palmer Renault 1'31''757 +2.591
16. Felipe Massa Williams 1'31''912 +2.746
17. Carlos Sainz Jr Toro Rosso 1'32''252 +3.086
18. Pierre Gasly Toro Rosso 1'32''501 +3.335
19. Pascal Wehrlein Sauber 1'32''897 +3.731
20. Marcus Ericsson Sauber 1'33''397 +4.231

TAGS: formula 1 sebastian vettel kimi raikkonen valtteri bottas red bull racing lewis hamilton f1 F1 2017 max verstappen daniel ricciardo scuderia ferrari formula 1 2017 f1 2017 gp giappone mercedes amg petronas