Autore:
Giulio Scrinzi

PROBLEMI INFINITI La sfortuna in casa Ferrari non è ancora finita: a Sepang era stato un condotto poco resistente tra il compressore e il motore termico a porre fine alle chance di Sebastian Vettel in qualifica, mentre oggi il componente incriminato che ha posto fine alla sua gara giapponese è stato una candela malfunzionante. Un inconveniente all'accensione del propulsore della SF70H, che prima ha perso potenza per poi ammutolirsi del tutto quando il tedesco è rientrato ai box, sancendo di fatto il suo secondo ritiro della stagione 2017.

SEBASTIAN VETTELOggi un problema che sembrava insignificante si è trasformato in un incubo: già nel giro di formazione mi sono accorto che la mia Ferrari non aveva più potenza, per cui abbiamo tentato di risolvere questo problema resettando la configurazione della power unit rimanendo in pista. Non è servito a nulla, perchè poi sono tornato ai box e lì ho dovuto accettare il fatto che la mia gara era finita. La rincora al Titolo? Ora è tutto più difficile. Quello che dobbiamo fare ora è riposarci un attimo perchè siamo tutti stanchi: dobbiamo recuperare in vista delle ultime gare della stagione”.


TAGS: formula 1 sebastian vettel f1 F1 2017 scuderia ferrari formula 1 2017 f1 2017 gp giappone