Pubblicato il 01/03/21

LA SOLITA GAVETTA Esteban Ocon inizia a correre come molti suoi colleghi con i kart ottenendo ottimi risultati fino al 2011. Dall'anno successivo il debutto con le monoposto di Formula Renault 2.0, seguito poi da un biennio nel campionato europeo F3, dove il francese riesce a imporsi al termine della stagione 2014 dopo una bella lotta con Max Verstappen. Nel 2015 un altro grande successo, stavolta in GP3 in seguito al duello durato tutto il campionato con l'italiano Luca Ghiotto. In questa occasione Ocon viene messo d'occhio da Toto Wolff, che ne diventa manager e lo inserisce nella cantera per giovani piloti Mercedes. Non ci sarà però subito il debutto in Formula 1, con Esteban dirottato invece per un anno a farsi le ossa con la casa di Stoccarda nel campionato DTM in sostituzione dell'altro pupillo Pascal Wehrlein.

FINALMENTE TITOLARE: IL DEBUTTO IN F1

L'attesa non è durata però tantissimo: già a metà 2016, Ocon debutta nel Gp del Belgio come sostituto di Rio Haryanto proprio al fianco di Wehrlein. I risultati sono incoraggianti e il transalpino impressiona per solidità e costanza al punto da convincere la Force India a schierarlo a inizio 2017 al fianco del veterano Sergio Perez. Le due stagioni succesive sono ricche di soddisfazioni ma tutt'altro che semplici: la macchina è competitiva, al primo anno prevale nella lotta di centro classifica, ma le frizioni con il compagno, culminate in un paio di contatti in pista sono sempre più evidenti. Nel 2018 il cambio di proprietà, con l'arrivo di Lawrence Stroll e il cambio di denominazione in Racing Point è il segno che il futuro di Esteban nel team è sempre difficile...

PURGATORIO E REDENZIONE

Il nuovo proprietario della Force India è infatti anche il papà del collega Lance Stroll, che ne rileva il sedile da titolare per il 2019. Ocon resta a piedi, limitandosi a comparire all'interno del box Mercedes nell'inedito ruolo di terzo pilota, riserva alle spalle di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Ma Esteban continua a scalpitare a proprio a Spa nel 2019 viene annunciato l'accordo con la Renault per fare coppia con lo stesso Daniel Ricciardo che l'anno prima gli aveva soffiato il sedile da titolare nella scuderia di Enstone. Dopo un anno letteralmente in panchina, Ocon torna dunque a correre da titolare, perdendo il duello molto complesso con un top driver come Ricciardo, ma centrando comunque il primo podio della carriera con un bel secondo posto nel Gran Premio di Sakhir 2020. Un buon punto da cui ripartire nel 2021, quando la lotta per difendere il sedile sarà durissima visto l'arrivo nel team - che nel frattempo cambia denominazione e colori e diventa Alpine - del senatore Fernando Alonso. Riuscire a tenergli testa sarà un pass per proseguire la carriera in F1.

F1 Test Bahrain 2021, Sakhir: Esteban Ocon (Alpine Renault F1 Team)

ESTEBAN OCON: STATISTICHE IN F1

Nome Esteban Ocon
Nazionalità  Francia
Team Alpine F1 Team
Numero #31
Età 24 (17 settembre 1996)
Altezza 186 cm
Peso 66 kg
GP disputati 67
Vittorie 0
Pole position 0
Podi 1
Giri più veloci 0
Titoli piloti 0
Debutto in F1 GP Belgio 2016

Statistiche aggiornate al Gp Abu Dhabi 2020


TAGS: formula 1 f1 esteban ocon Alpine F1 Stagione F1 2021