F1 Commission: accordo per il budget cap, non per il porpoising
F1 2022

F1 Commission: direttiva anti-porpoising rinviata, ok alle norme anti-inflazione


Avatar di Salvo Sardina , il 08/07/22

1 mese fa - I team principal sono stati protagonisti di un incontro fiume per decidere le prossime regole

I team principal della F1 protagonisti di un incontro fiume per decidere le prossime regole: ok al discostamento dal budget cap per combattere l'inflazione, ma la direttiva tecnica anti-saltellamento viene rimandata ancora
Benvenuto nello Speciale AUSTRIANGP 2022, composto da 28 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario AUSTRIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

Quello del GP Austria a Spielberg sembrava il fine settimana perfetto per l’annuncio dell’arrivo della power unit Porsche sotto al cofano della Red Bull a partire dal 2026. Un’ufficializzazione che è invece stata rimandata a data da destinarsi – probabilmente all’autunno – visto che i team continuano a discutere i dettagli del prossimo ciclo regolamentare sui motori e che, dunque, i marchi del gruppo Volkswagen (entrerà anche Audi) aspetteranno un quadro tecnico definitivo e certo prima dell’annuncio. Così, a canalizzare l’attenzione è stato il lungo incontro della F1 Commission che si è tenuto all’interno del paddock del Red Bull Ring e che ha impegnato tutti i team principal delle scuderie F1 praticamente fino all’inizio delle prime prove libere

GP Monaco 2022, Christian Horner (Red Bull) con Mattia Binotto (Ferrari) nel paddock di Monte Carlo GP Monaco 2022, Christian Horner (Red Bull) con Mattia Binotto (Ferrari) nel paddock di Monte Carlo

LE DECISIONI FINANZIARIE Uno dei principali punti di discussione era il tanto dibattuto scostamento dal limite del budget cap, voluto soprattutto dai top team per far fronte al problema dell’incremento dei costi legeato all’inflazione. Alla fine, i dirigenti delle scuderie hanno optato per un incremento del 3.1% del limite, che dovrebbe permettere alle squadre di spendere altri 4 milioni abbondanti in risposta all’aumento del costo dell’energia e dei trasporti. Una misura su cui i team hanno trovato un compromesso e che però dovrà essere (come tutte le decisioni prese oggi in sede di F1 Commission) ratificata dal Consiglio Mondiale Fia.

F1 2022: Toto Wolff (Mercedes) F1 2022: Toto Wolff (Mercedes)

VEDI ANCHE



LA DIRETTIVA SUL PORPOISING Altra questione cruciale per la stagione in corso era quella relativa alla direttiva tecnica Fia anti-porpoising, che ha fatto tanto discutere le squadre e creato un fronte compatto Red Bull-Ferrari opposto a quello Mercedes. La modifica al regolamento, che dovrebbe introdurre maggiori controlli attribuendo addirittura alla Federazione il potere di intervenire sul setup delle auto troppo esposte al problema del saltellamento alle alte velocità in rettilineo, era inizialmente prevista per il GP del Canada, ma entrerà in vigore solo al termine della pausa estiva, in Belgio. Si tratta del terzo rinvio, visto che inizialmente l’applicazione era stata rimandata a Silverstone e, poi, a Le Castellet.

F1 GP Austria 2022, Spielberg: Sergio Perez (Red Bull Racing) F1 GP Austria 2022, Spielberg: Sergio Perez (Red Bull Racing)

ALTRE QUESTIONI Nel comunicato si parla infine anche dei test precampionato 2023, che saranno effettuati fuori dall’Europa e si svolgeranno quattro giorni prima dell’inizio del Mondiale (a questo punto, sembra abbastanza scontato che la sede sarà il circuito di Sakhir, in Bahrain). Nessuna notizia precisa, invece, per quanto concerne il prossimo ciclo regolamentare sulle power unit 2026: la nota congiunta di Fia e F1 specifica come la Commissione sia ormai vicina al trovare un accordo, senza però specificare granché. Vedremo...


Pubblicato da Salvo Sardina, 08/07/2022
Tags
AustrianGP 2022
Logo MotorBox