Wolff svela di essere stato vittima di abusi antisemiti
F1 2022

Intemperanze tifosi: Wolff svela di essere stato preso di mira da ragazzino


Avatar di Luca Manacorda , il 12/07/22

4 settimane fa - Il boss Mercedes ha raccontato un episodio della sua gioventù

Dopo i comportamenti razzisti e misogini dei tifosi al Red Bull Ring, Toto Wolff ha svelato un aneddoto personale
Benvenuto nello Speciale AUSTRIANGP 2022, composto da 28 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario AUSTRIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

EPISODI CENSURABILI Il mondo della F1 ha condannato duramente i comportamenti che si sono registrati al Red Bull Ring nel corso del weekend del GP Austria, tra commenti razzisti e atteggiamenti misogini da parte di tifosi decisamente ubriachi che hanno sconvolto una parte del pubblico presente. Tra chi ha invocato il pugno duro in risposta a questi fatti c'è anche Toto Wolff, il quale ha svelato un episodio accadutogli da ragazzo per spiegare la sua opposizione a certi comportamenti.

IL RACCONTO Il boss della Mercedes ha raccontato: ''Sono stato oggetto di antisemitismo a Vienna. Non ero ebreo, ma lo era il mio migliore amico e ho vissuto con la sua famiglia. So cosa vuol dire entrare il sabato mattina nella sinagoga e subire abusi antisemiti, è semplicemente terribile. Penso a come si è evoluta la cosa nel tempo, in qualche modo si è capito che bisogna accettare un po' di sofferenza se qualcuno fa un commento sessista o qualcosa che è stato semplicemente descritto come una presa in giro, ma oggi non è più così. Le persone si sentono veramente ferite o discriminate ed è per questo che dobbiamo essere tutti più consapevoli''.

VEDI ANCHE


IN DIFESA DELLE DONNE Dagli episodi antisemiti a quelli di violenza verbale contro le donne, Wolff spiega come anche in questo ambito si debba dire basta a certi comportamenti: ''Siamo cresciuti con quelle battute. Quante foto mi vengono ancora inviate accompagnate da un 'ahah', ma ho il professore perfetto a casa. Susie (sua moglie, ndr) le vede e mi dice che fino a 10 anni fa erano viste come divertenti perché a nessuno importava, ma posso dirvi che sono al limite o che per me sono troppo. Per noi che l'abbiamo vissuto è sempre stato visto come uno scherzo, ma abbiamo bisogno di un po' di cambiamento di mentalità, perché le ragazze e le donne non lo vogliono più''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 12/07/2022
Tags
AustrianGP 2022
Logo MotorBox