Ricciardo irriconoscibile: McLaren lo conferma per il 2023 ma...
F1 2022

Ricciardo è sempre più irriconoscibile: la McLaren lo conferma per il 2023 ma...


Avatar di Salvo Sardina , il 12/07/22

4 settimane fa - Le parole dell'ad Zak Brown a Spielberg mettono in guardia Daniel

Le parole dell'ad Zak Brown a Spielberg mettono in guardia Daniel: il 2023 non è in dubbio, ma l'australiano sa quali sono le richieste del team per restare in futuro. E intanto c'è il test per Colton Herta
Benvenuto nello Speciale AUSTRIANGP 2022, composto da 28 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario AUSTRIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

Non c’è alcun dubbio: Daniel Ricciardo è uno dei protagonisti in negativo della prima metà del Mondiale 2022 di Formula 1. Dopo un avvio complicatissimo legato al Covid che lo ha costretto a saltare i test in Bahrain, il forte pilota australiano sembra non aver mai trovato la giusta confidenza al volante della sua MCL36. E i risultati sono stati talmente deludenti da scoprire il fianco alle critiche pubbliche del boss McLaren, Zak Brown, che, prima di Monte Carlo, avevano dato il via al toto-sostituto di Daniel per il 2023. Una situazione poi messa in standby proprio dal diretto interessato, che aveva ricordato durante la conferenza stampa del GP Monaco di avere ancora un contratto (tra l’altro particolarmente remunerativo) fino alla fine della prossima stagione.

F1 GP Austria 2022, Spielberg: Daniel Ricciardo (McLaren F1 Team) in azione F1 GP Austria 2022, Spielberg: Daniel Ricciardo (McLaren F1 Team) in azione

HERTA SPINGE Il tanto atteso balzo in avanti nelle prestazioni fino a questo momento non è arrivato – al Red Bull Ring, Ricciardo è stato addirittura eliminato in Q1 riuscendo a salvare parzialmente il weekend con i due punti iridati del nono posto finale – e, con l’estate alle porte, si sono inevitabilmente scatenate le indiscrezioni della silly season del mercato piloti. In questo caso alimentate dalla stessa McLaren, visto che in settimana il team di Woking consentirà al giovane pilota di sviluppo del team, nonché stellina della IndyCar, Colton Herta, di guidare una monoposto di F1 in Portogallo. Forse un modo per pungolare l’australiano spingendolo a trovare quello che gli manca per portarsi al livello di Norris, di certo però non un attestato di fiducia incondizionata nei suoi confronti.

VEDI ANCHE



F1 GP Italia 2021, Monza: lo ''Shoey'' di Zak Brown con Daniel Ricciardo e Lando Norris (McLaren) F1 GP Italia 2021, Monza: lo ''Shoey'' di Zak Brown con Daniel Ricciardo e Lando Norris (McLaren)

PARLA BROWN Nel weekend austriaco, l’ad McLaren non ha comunque voluto mettere ulteriore pressione sulle spalle di Big Smile. “Quello che ho detto sulle performance di Ricciardo – ha spiegato quotato dagli spagnoli di Soy Motornon ha causato nessun problema interno al team, anche se ha dato il via a un po’ di rumor dall’esterno. Con Daniel abbiamo però una grande relazione, ci scriviamo costantemente e siamo sicuri che sarà con noi anche l’anno prossimo. Spetterà a noi fare del nostro meglio per consentirgli di tornare nella miglior forma. Sappiamo che è capace di portare a casa delle vittorie con noi, ma tutto dipenderà dall’auto che riusciremo a dargli. I nostri requisiti sono tuttavia estremamente chiari e lui dovrà essere allo stesso livello di Lando”. Uomo avvisato…


Pubblicato da Salvo Sardina, 12/07/2022
Tags
Gallery
AustrianGP 2022
Logo MotorBox