GP Austria, la Ferrari torna all'antico: in pista col Cavallino del 1932
F1 2022

Ferrari, ritorno all'antico a Spielberg: in pista col Cavallino del 1932


Avatar di Simone Valtieri , il 09/07/22

1 mese fa - Sulla Ferrari al Red Bull Ring c'è il cavallino rampante di Francesco Baracca

Sulle vetture di Leclerc e Sainz la Scuderia Ferrari è scesa in pista al Red Bull Ring di Spielberg con il cavallino rampante di Francesco Baracca
Benvenuto nello Speciale AUSTRIANGP 2022, composto da 28 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario AUSTRIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

LA RICORRENZA La storia la conoscono quasi tutti: la madre dell'aviatore Francesco Baracca regalò a Enzo Ferrari il ''Cavallino'' usato dal figlio sul suo aereo affinché lo usasse sulle sue vetture. La prima apparizione ufficiale dello stemma avvenne sulle Alfa Romeo della Scuderia Ferrari il 9 luglio del 1932, esattamente 90 anni fa, in occasione della 24 ore di Spa Francorchamps. Per celebrare questa ricorrenza, sulle due Ferrari F1-75 di Charles Leclerc e Carlos Sainz è stato applicato uno stemma con quel cavallino all'interno del logo della Scuderia. Ma non saranno solo le monoposto di Formula 1 a far sfrecciare l'iconico cavallino, oggi lo stesso stemma verrà applicato sulle 488 GTE in pista a Monza, dove è in programma la 6 Ore valida per il FIA World Endurance Championship (WEC), sulle auto del team AF Corse guidate da Alessandro Pier Guidi, James Calado, Miguel Molina e Antonio Fuoco. 

VEDI ANCHE





LA STORIA. ''Lo scudetto, che aveva già tutte le caratteristiche di quello attuale – e dunque il Cavallino Rampante ereditato dalla famiglia dell’aviatore ed eroe di guerra Francesco Baracca, il fondo giallo per un tributo alla città di Modena, le iniziali della squadra e la banda tricolore nella parte alta – differisce leggermente dall’emblema moderno nel disegno del cavallino'', si legge nel comunicato Ferrari - ''All’epoca era meno stilizzato, e nel carattere delle iniziali SF, allora più piccole e più distanti tra loro. Venne applicato per la prima volta sulle Alfa Romeo 8C 2300 MM affidate ad Antonio Brivio ed Eugenio Siena e a Piero Taruffi e Guido d’Ippolito. Il risultato di quella gara fu il migliore possibile: doppietta. Chi non avrà la fortuna di poter ammirare dal vivo a Spielberg le F1-75 o a Monza le 488 GTE, potrà comunque fare un tuffo alle origini dello scudetto della Scuderia visitando il Museo di Maranello dove in questo fine settimana sarà esposta una delle Alfa Romeo 8C della squadra modenese così come una delle motociclette, una Rudge, che la Scuderia impiegò dal 1932 al 1934 principalmente nelle gare del campionato italiano. L’esordio in assoluto del Cavallino Rampante avvenne proprio su una due ruote, in occasione del Circuito di Pontedera del 3 luglio di quello stesso anno. Sia l’auto (esposta per un periodo limitato) e che la moto fanno parte della grande mostra “Scuderia Ferrari – La storia completa”, che racconta la squadra di Maranello attraverso alcuni indimenticabili modelli, protagonisti di gare sofferte, di vittorie leggendarie e talvolta anche di sconfitte, sia in Formula 1 che a ruote coperte''.


Pubblicato da Simone Valtieri, 09/07/2022
Tags
AustrianGP 2022
Logo MotorBox