Autore:
Andrea Rapelli

ENDURO Un'istituzione, nel fuoristrada, lo è sempre stata. Adesso, con la Husqvarna 701 Enduro, la Casa svedese ritorna fra le enduro grandicelle, con una moto che vanta soluzioni tecniche piuttosto particolari.

SERBATOIO DIETRO Probabilmente i più attenti avranno già scovato la prima: nell'intento di migliorare la distribuzione dei pesi, il serbatoio in policarbonato da 13 litri della Husqvarna 701 Enduro si nasconde nella parte posteriore e fa da telaietto reggisella. La linea non ne risente più di tanto, perché le proporzioni non sembrano troppo sbilanciate verso la coda. Il trucco? La sella, che arriva fin quasi ad abbracciare il radiatore, molto vicina al manubrio. In questo modo, migliora anche la presa delle ginocchia durante la guida più impegnata.

TRALICCIO Incastonato in un telaio a traliccio al cromo-molibdeno, il monocilindrico da 690 cc della Husqvarna 701 Enduro sviluppa 67 cv e vanta doppia accensione, acceleratore ride by wire e diverse mappature. Grazie alla lubrificazione forzata ed altri piccoli accorgimenti, inoltre, l'intervallo fra un tagliando e l'altro raggiunge i 10.000 km. Volendo, è disponibile una versione guidabile con patente A2 a 18 anni.

WP PERFORMANCE Il capitolo sospensioni della Husqvarna 701 Enduro vede due unità WP Performance: davanti, c'è la classica forcella 4CS con cartuccia chiusa, dietro un mono completamente regolabile. Entrambe hanno un'escursione di 275 mm. Tutto ciò, unito a cerchi DID neri prettamente da enduro (21” davanti e 18” dietro) e specialistici pneumatici Continental TKC 80, permette di muoversi con agilità quando l'asfalto finisce. Infine, i freni, by Brembo, hanno di serie l'ABS con modalità offroad.


TAGS: Eicma 2015 tutte le novità dell'Eicma 2015 Husqvarna 701 enduro