Autore:
Giulio Scrinzi

L'EVOLUZIONE DELLA SPECIE La casa di Noale si è sempre distinta per la raffinatezza meccanica e la ciclistica di prim'ordine delle proprio moto, e la nuova Aprilia Shiver 900 non è da meno: per il 2017 la naked veneta si rinnova a partire dal motore, cresciuto in cilindrata fino a 900 cc, passando per le nuove sovrastrutture e rifiniture in puro stile racing – fianchetti, coda e parafango anteriore ma anche cerchi, telaio e coperchi delle teste dei cilindri ora colorati di rosso - per poi proseguire con una ciclistica sopraffina che esalta il piacere di guida in ogni condizione. Dulcis in fundo la dotazione elettronica con lo stesso schermo TFT da 4.3'' della RSV4 e della Tuono 1100 V4 accompagnato da un inedito sistema Traction Control e da una nuova versione di quel Ride-by-Wire per la gestione delle farfalle del propulsore derivato direttamente dalla MotoGP.

PIÙ COPPIA, PIÙ DIVERTIMENTO Il cuore della Shiver 900 è il nuovo V2 Euro 4 che da 750 cc della prima versione passa a 900 cc grazie all'aumento della corsa che porta la potenza ad oltre 95 cavalli all'albero. Tuttavia la vera sorpresa è l'incremento della coppia ai medi regimi fino a 90 Nm ottenuti a 6500 giri/min, prestazioni che garantiscono un'accelerazione in uscita curva decisamente più corposa rispetto al passato. La naked di Noale guadagna un più efficiente circuito di lubrificazione e la nuova centralina Marelli 7SM che permette la rimappatura a 35kW in modo da poter essere utilizzata anche dai giovani motociclisti con la patente A2. Per quanto riguarda la gestione elettronica, l'inedito controllo di trazione agisce simultaneamente sull'accensione e sulle farfalle del propulsore rendendo l'intervento dolce e gestibile, mentre il Ride-by-Wire nella sua ultima versione guadagna in leggerezza per la riduzione di peso di oltre mezzo chilo.

CICLISTICA SENZA RIVALI La tradizione e l'esperienza che Aprilia ha accumulato sui circuiti di tutto il Mondo si mette in bella mostra anche sulla Shiver 900: il telaio ha la parte superiore in tubi d'acciaio collegati da piastre laterali in alluminio mentre la forcella Kayaba da 41 mm pluriregolabile ha piedini fusi in conchiglia a supporto delle pinze radiali. Completano il pacchetto il sistema frenante dotato di tubi in treccia metallica di derivazione aeronautica con doppio disco anteriore da 320 mm e disco singolo al posteriore da 240 mm dotato di ABS a due canali insieme agli inediti cerchi sportivi a tre razze, ripresi dalla Tuono V4 con l'intento di contenere il peso complessivo esaltando nel contempo l'agilità, su pneumatici 120/70 all'anteriore e 180/55 al posteriore.

INDOLE SPORTIVA O TURISTICA? L'ampia gamma di accessori dedicati alla nuova Shiver 900 sono dedicati a due clientele ben distinte: da una parte gli amanti del carattere racing della casa di Noale troveranno componenti in carbonio ed in alluminio ricavate dal pieno come cover serbatoio olio freno e frizione e specchi ma anche tamponi paratelaio e forcella. Dall'altra i motociclisti più tranquilli, che saranno decisamente ripagati da selle comfort e dalle borse laterali. Cosa accomuna le due schiere? L'Aprilia Multimedia Platform, sistema che, grazie alla connettività Bluetooth e l'interfaccia con comandi al manubrio ed il nuovo display TFT, permette di gestire e condividere tutte le informazioni di bordo, anche le chiamate ed i brani audio in riproduzione per assaporare fino in fondo la propria esperienza su due ruote targata Shiver 900.


TAGS: eicma 2016 eicma piaggio 2016 aprilia shiver 900 aprilia shiver 900 2016 eicma aprilia shiver 900 eicma shiver 900 2016