EICMA 2016

FANTIC CABALLERO: Il ritorno del mito


Avatar Redazionale , il 14/11/16

4 anni fa - Presentato ad Eicma il nuovo Fantic Caballero

Per il 2017 la casa di Barzago rilancia la propria punta di diamante, vista ad Eicma nella versione Dual e Flat-track

Benvenuto nello Speciale EICMA 2016, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario EICMA 2016 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

TUTTO È INIZIATO DAL CABALLERO A volte per poter andare avanti è necessario tornare indietro, per riscoprire le proprie origini: niente di più vero nel caso di Fantic Motor, che al Salone di Milano ha presentato la nuova gamma Caballero, un restyling che ricorda nelle forme e nel carattere il suo cavallo di battaglia uscito per la prima volta dalla fabbrica nel 1969. Svelato in quest'occasione nella duplice versione “dual” (una Scrambler adatta ad un utilizzo misto on ed off-road) ed in quella da competizione “flat-track”, sarà disponibile a partire dal prossimo anno nelle cilindrate 125, 250 e 500cc.

VEDI ANCHE

UN 125 TUTTO PEPE L'ottavo di litro lombarda sarà dotata di un monocilindrico 4 tempi con carburatore Keihin da 30mm e doppio scarico Arrow, inserito in un telaio monotrave in acciaio CrMo e completato da un forcellone in alluminio a sezione variabile e leveraggio progressivo. Il reparto sospensioni, condiviso con le sorelle maggiori, vedrà all'anteriore una forcella a steli rovesciati da 41mm, mentre il posteriore sarà gestito da un monoammortizzatore con regolazione idraulica in compressione ed estensione. Differenti le misure degli pneumatici: 110/80-19 e 140/80-17 per la Scrambler, 130/80-19 e 140/80-19 per la Flat Track.

DIVERTIMENTO ASSICURATO Leggermente diverse le versioni 250 e 500: la prima monterà un propulsore da 28 CV di potenza per 22,5 Nm di coppia dotato di carburatore KEIMA da 36mm, mentre la seconda avrà a disposizione un purosangue da 43 CV per 40 Nm ad iniezione elettronica. Il telaio sarà lo stesso per entrambe, con trave centrale superiore e culla inferiore in acciaio CrMo, come del resto anche pneumatici, cerchi e sospensioni (già introdotte sulla 125). Le uniche altre differenze si troveranno nell'impianto frenante: il disco anteriore della 500 sarà un flottante da 300mm, mentre quello posteriore sarà lo stesso da 245mm della quarto di litro.


Pubblicato da Giulio Scrinzi, 14/11/2016
Gallery
eicma 2016
Logo MotorBox