Concept car:

Lotus Evora 414E Hybrid Concept


Avatar di Luca Cereda , il 27/02/10

11 anni fa - Sullo stand inglese del Salone di Ginevra ci aspetta una concept carica di effetti speciali. Dal rumore del motore al cambio, tutto è "hollywoodiano". Mentre il cuore è di chi, pur sprigionando potenza, non vuole far male all'ambiente...

Sullo stand inglese del Salone di Ginevra ci aspetta una concept carica di effetti speciali. Dal rumore del motore al cambio, tutto è "hollywoodiano". Mentre il cuore è di chi, pur sprigionando potenza, non vuole far male all'ambiente...

Benvenuto nello Speciale SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 86 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SOTTO LA CUPOLA Una sola e unica foto, per ora. Sotto la cupola di uno scudo di vetro, mette in bella mostra il pack di un motore ibrido, la firma è Lotus. Aria nuova in quel di Hethel? Diciamo pure che ci stanno lavorando su. E chissà se questa concept – che in realtà è un dimostratore realizzato sulla base della Evora – ci aiuterà a capire cosa bolle in pentola. O se invece si tratta del solito esercizio di stile (e ingegno…).

TERMICO GREGARIO Nome in codice: Evora 414E. Dove 414 è il totale del potenziale equino accumulato non dal solito motore a V iperdotato, ma da due robusti motori elettrici alla base del sistema ibrido plug-in di questa concept. Ciascuno dei due – posto in corrispondenza di ognuna delle due ruote posteriori- eroga 207 cavalli di potenza e 400 Nm di coppia, preoccupandosi della trazione. Con una sola carica della batteria, entrambi non riuscirebbero a spingere oltre i 56 km, per questo si avvalgono di un motore 1.2 a combustione che provvede unicamente ad alimentare la batteria, prolungando così l'autonomia della vettura fino a 480 km.

VEDI ANCHE



ROMBO ON DEMAND Lotus ha chiamato questa piattaforma ibrida VVA (Versatile Vehicle Architecture), che tuttavia non è l'unico e ultimo scopo di questa show-car, pronta a catturare i curiosi con altri effetti speciali. Ad esempio quello che gli inglesi hanno chiamato HALOsonic, un sistema capace di riprodurre – all'interno e all'esterno dell'abitacolo – il suono di 4 motori diversi, tra cui quelli di un V8 e di un V12. Serve a ovviare – in un colpo - ai due principali difetti dell'elettrico, entrambi conseguenze della sua silenziosità: non emoziona chi guida e mette in pericolo il pedone, che rischia di non percepire l'incombere della vettura.

CAMBIO-NON CAMBIO Oltre al rumore, anche il cambio è "virtuale”: attraverso i paddles, il dimostratore prova a riprodurre l'effetto di una trasmissione a sette rapporti – quando in realtà ce n'è uno solo -, simulando perfino gli effetti sonori al momento della cambiata. Se c'è sostanza dietro a tanto show, lo scopriremo tra poco.


Pubblicato da Luca Cereda, 27/02/2010
Gallery
Speciale Salone di Ginevra 2010, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox