Anteprima:

Porsche 911 Turbo S 2010


Avatar Redazionale , il 08/02/10

11 anni fa - Dopo circa cinque anni di assenza rispunta nel listino di Zuffenhausen una variante S della 911 sovralimentata. Rispetto alla Turbo "normale" crescono la potenza e le prestazioni, mentre la dotazione si fa più ricca che mai. Il conto, però, si annuncia sa

Dopo circa cinque anni di assenza rispunta nel listino di Zuffenhausen una variante S della 911 sovralimentata. Rispetto alla Turbo "normale" crescono la potenza e le prestazioni, mentre la dotazione si fa più ricca che mai. Il conto, però, si annuncia salato.

Benvenuto nello Speciale SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 86 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SUPERPORSCHE Una S in fondo alla scritta turbo. E' questo l'unico indizio che permette di scoprire a prima vista la vera identità della nuova 911 turbo S. Questa versione rispunta nella gamma della Casa tedesca dopo circa un lustro di latitanza e lo fa quindi in modo tutto sommato discreto, senza urlare ai quattro venti il suo ruolo di Superporsche. In fondo, la base di partenza, la 911 turbo, non veste certo i panni del Clark Kent della situazione e fa già abbastanza per chiamare a sé l'attenzione, con il suo alettone posteriore e gli squarci che si aprono nei fascioni e lungo le fiancare per placare i bollenti spiriti dei freni e del motore.

PIU' TRENTA Proprio il sei cilindri boxer 3.8, con le sue due turbine a geometria variabile, è l'elemento che ha ricevuto maggiori attenzioni dai tecnici della Porsche. Grazie al loro lavoro, la potenza massima è ora di 530 cv (la turbo "normale" si limita a fare cifra tonda, con 500 cv), con una coppia di 700 Nm. Tutta questa birra viene scaricata a terra attraverso il cambio robotizzato PDK, con doppia frizione e sette marce. Completa il reparto trasmissione la trazione integrale permanente Porsche Traction Management, che si avvale anche di un differenziale posteriore con blocco meccanico e del Porsche Torque Vectoring per ripartire meglio la forza motrice.

VEDI ANCHE



IL CHIP AIUTA Se tutto questo serve a rendere la guida emozionante, quando ci si trova fare i conti con le cifre è l'elettronica a fare da asso nella manica. La 911 turbo S è dotata infatti di serie del pacchetto Sport Chrono Turbo, con tanto di Launch Control, per partenze a fionda senza possibilità di errore. Grazie a questo "trucco" la pratica 0-100 è liquidata in soli 3,3 secondi e insistendo con l'acceleratore, si possono toccare i 200 in 10,8 secondi, arrivando poi d'un fiato ai 315 km/h di velocità massima. Quando si tratta di fermarsi, invece, ci si può attaccare ai freni carboceramici PCCB, che sono a loro volta standard e fanno capolino da dietro cerchi da 19".

A PRIMAVERA La dotazione della 911 turbo S ha anche altri fiori all'occhiello, come per esempio le luci adattive, il volante a tre razze con le levette per la selezione delle marce e i sedili sportivi con rivestimenti in pelle a due colori (il nero si può incrociare con crema e blu). Così allestita, dopo aver sfilato sotto i riflettori di Ginevra, questa Porsche arriverà su strada in primavera. In Germania, dove le consegne inizieranno a maggio, i prezzi saranno di 173.241 euro per la coupé e di 184.546 euro per la cabriolet, mentre per l'Italia è legittimo aspettarsi un costo leggermente superiore.


Pubblicato da Tommaso Crociera, 08/02/2010
Gallery
Speciale Salone di Ginevra 2010, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox