Anteprima:

Ford Galaxy e S-Max 2010


Avatar Redazionale , il 17/12/09

11 anni fa - Le due monovolume dell'Ovale si aggiustano il look e portano al debutto assoluto il nuovo motore due litri a benzina EcoBoost. Turbo e iniezione diretta garantiscono grandi prestazioni e consumi ragionevoli.

Le due monovolume dell'Ovale si aggiustano il look e portano al debutto assoluto il nuovo motore due litri a benzina EcoBoost. Turbo e iniezione diretta garantiscono grandi prestazioni e consumi ragionevoli.

Benvenuto nello Speciale SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 86 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

ANTIPASTO Il 2010 sarà un anno importantissimo per la Ford, visto che vedrà il lancio di modelli d'importanza strategica fondamentale, come la nuova Focus. A fare da antipasto a una pietanza così ricca sono oggi le due monovolume S-Max e Galaxy. Con il loro nuovo model year, queste due gemelle eterozigote saranno tra le protagoniste del Salone di Bruxelles, che aprirà i battenti dal 14 al 24 gennaio prossimi.

NEW LOOK Per la nuova stagione le novità sono molte, a partire da un cofano motore dalle linee più decise. A distinguere la S-Max 2010 ci sono un fascione paraurti più grintoso, con la griglia trapezoidale nera brillante e con fari a Led che sono di serie oppure optional a seconda del livello di allestimento. Le luci di coda usano invece sempre la stessa tecnologia, così come comune a tutta la gamma è l'inedita cornicetta cromata che gira attorno ai finestrini. Una spruzzata di cromo si trova anche nella zona posteriore, dove una barra lucida fa da trait d'union tra i gruppi ottici.

VEDI ANCHE


"CROMO"TERAPIA Anche la Galaxy 2010 sfoggia particolari cromati, come i listelli orizzontali della griglia e, sulle versioni top, le maniglie delle porte e i listelli laterali. Una finitura metallica chiara caratterizza poi le barre sul tetto, che permettono di darsi ai trasporti eccezionali qualora (ma è un caso remoto) lo spazio interno non fosse sufficiente nemmeno una volta sacrificati i posti della terza e della seconda fila. I sedili, come anche sulla S-Max a cinque posti, si ripiegano tra l'altro con grande facilità grazie al FoldFlatSystem, che, una volta concluse le operazioni, lascia un piano di carico perfettamente piatto.

MUSICA, MAESTRO! Per i piccoli oggetti di uso quotidiano, la S-Max meglio equipaggiata può disporre anche di una pratica console a soffitto e di tetto panoramico. Anche sulle versioni base, comunque, è tangibile lo sforzo di dare una impressione di maggior qualità, grazie all'impiego rivestimenti inediti, tanto nei colori quanto nei materiali. Interessante è anche l'arrivo in casa Ford del sistema BLIS (già noto ai clienti Volvo e spiegabile come Blind Spot Information System), che segnala la presenza di eventuali veicoli nell'angolo cieco della visuale prima di un cambio di corsia. Due parole le merita anche il Premium Sound System, che, con una moltitudine di altoparlanti e 265 W di potenza, farà la felicità dei melomani. La dotazione di accessori 2010 si allunga con l'arrivo anche della telecamera posteriore di assistenza al parcheggio e della chiave elettronica.

MR MUSCOLO Le novità più succose per la Galaxy e la S-Max 2010 sono però nascoste sotto il cofano. A meritare attenzione è soprattutto il debutto del quattro cilindri due litri a benzina EcoBoost SCTi. Dotato di iniezione diretta, fasatura variabile delle valvole e turbina a bassa inerzia, è accreditato di una potenza di 203 cv a 5.500 giri e di una coppia di 300 Nm stabili tra i 1.750 e i 4.500 giri. Simili valori si traducono in prestazioni molto brillanti: per la S-Max si parla di 8,5 secondi nello 0-100 e di 221 km/h. La Galaxy è invece sugli 8,8 secondi e sui 217 km/h, con percorrenze medie simili alla "sorella" nell'ordine dei 12 km/litro abbondanti. Questo motore è proposto in abbinamento al cambio robotizzato a doppia frizione PowerShift, alla sua prima uscita all'ombra dell'Ovale.

DAMMI IL CINQUE Nonostante simili credenziali, che lo faranno sicuramente apprezzare con altri modelli, pare difficile che l'EcoBoost riesca a spezzare l'egemonia sul mercato dei turbodiesel TDCi Duratorq. La loro famiglia si amplia con l'arrivo di una nuova variante da 163 cv, che va ad affiancare quella da 115 e da 140, che nel frattempo si è messa in regola con la normativa Euro 5. Anche i due turbodiesel più potenti possono essere dotati a richiesta di cambio PowerShift.


Pubblicato da Tommaso Crociera, 17/12/2009
Gallery
Speciale Salone di Ginevra 2010, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox