Prossimamente:

Lexus CT 200h


Avatar Redazionale , il 01/03/10

11 anni fa - Per fare numeri e immagine nel segmento premium servono anche le piccole, come insegnano i nobili casati tedeschi. E anche Lexus si adegua, con linee tagliate dai samurai e l'arma dell'ibrido in esclusiva per la categoria. A fine anno su strada, appuntame

Per fare numeri e immagine nel segmento premium servono anche le piccole, come insegnano i nobili casati tedeschi. E anche Lexus si adegua, con linee tagliate dai samurai e l'arma dell'ibrido in esclusiva per la categoria. A fine anno su strada, appuntamento a Ginevra per fare conoscenza.

Benvenuto nello Speciale SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO, composto da 86 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2010, L'ELENCO AGGIORNATO qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

PICCOLE LO FANNO MEGLIO L'invasione del segmento C da parte dei marchi premium non è una novità e ci sono anche notevoli casi di successo, vedi Audi A3 e BMW Serie 1. Ma al di là dei numeri e del fatturato sono modelli importanti in ottica di marketing e immagine per le stesse Case che le producono: abbassano i livelli medi di emissione di gamme sbilanciate verso l'alto, sono abbordabili e raggiungibili anche per una clientela più giovane, si portano senza imbarazzi e oltretutto sono perfettamente intonate all'epoca odierna, che impone morigeratezza. Ora, dopo le prime anticipazioni sotto forma di concept, arriva anche l'ammiraglia liofilizzata Lexus. Ci sono linee taglienti e disegnate con la spada, destinate a far discutere, un portellone, il motore ibrido e (mezza sorpresa) la trazione anteriore. E un nome non proprio glamour, ma questa come direbbe qualcuno è un'altra storia.

ELLEFORME Le forme sono quelle anticipate dal concept, solo un filo normalizzate. Le dimensioni sono quelle classiche con 4,30 metri in lunghezza. Ci sono i due occhi taglienti spostati ai lati, le luci al led diurne, e la mascherona che scende al centro, secondo i dettami delle Elle Finesse di Casa. Le proporzioni sono equilibrate e vedono un cofano lungo e piatto e un bozzolo abitativo disegnato dalle vetrate laterali, con le cinque porte a regalare versatilità. Ci sono gli specchioni che spuntano come funghi dai fianchi, le fiancate scavate a evidenziare muscoli nei punti giusti e un aspetto generale a metà strada tra la ricetta sportiva delle concorrenti, in stile Giuletta e Serie 1, e l'ostentata eleganza della A3. Difficile dire se piacerà a tutti, mancano spunti di estrema originalità a parte il lunotto bombato al posteriore, ma non si intravedono neppure clamorosi difetti.

VEDI ANCHE



IBRIDE DI LUSSO Quel che conta sono le caratteristiche tecniche che lasciano intuire qualche lontana parentela con la Prius. L'arma Lexus per le compatte conta infatti su un propulsore a benzina da 1,8 litri accoppiato al motore elettrico. Non dovrebbero mancare la potenza e l'attenzione alle emissioni. Mancano ancora i dati relativi alle prestazioni e chiaramente saranno poi disponibili altri propulsori di tagli più tradizionali. Ma la versione ibrida, accoppiata a una trasmissione CVT, prevede anche la possibilità di regolare l'elettronica di bordo e tutto il mood dell'auto su tre posizioni che parlano da sole: Eco, Normal e Sport. Ancora una volta si tenta di aprire la strada al piacere di guida nonostante il tema ecologico, come fanno intuire gli stessi cerchi da 17 pollici e il raffinato schema di sospensioni, che prevede doppi triangoli al posteriore. Davanti c'è il classico McPherson.

INTELLIGENTE Sempre a proposito di personalizzazione la CT promette di cambiare colore e umore alla pressione del magico tastino sulla plancia di bordo, che peraltro si allinea agli ultimi concetti espressi dai prototipi di Casa, con la strumentazione disposta su due livelli visivi differenti. Nelle due modalità tranquille la luce rimane su un soffuso azzurrino mentre quando si opta per lo "sport" il colore si fa rosso… Quando proprio ci si sente buoni arriva la possibilità di optare per le "emissioni zero". Grazie alle batterie, non ancora al litio, si possono percorrere 2 km solo con il ronzio dell'elettrico, ovviamente a velocità ridotte. Tra spinte in avanti e tradizionalismo Lexus sembra aver fatto le cose per bene.

LEXUS IS MORE? La stessa piattaforma su cui verrà costruita mette in evidenza un passo di 2,6 metri, in modo da agevolare l'abitabilità interna, anche se il bagagliaio arriva a solo 345 litri di capacità. Secondo la stessa casa anche i dettagli sono stati curati per assicurare il giusto comfort e feeling di guida. L'arrivo di una piccola Lexus segna anche un cambio di strategia nell'approccio al mercato europeo, che vede la grande L strizzare l'occhio ad un target più giovane o perlomeno giovanile. Impossibile negare però che nel segmento conta parecchio l'effetto moda: se la CT avrà successo ci saranno presto nuovi adepti al lusso orientale da far crescere poi con auto più importanti. Per vederla su strada bisogna aspettare la seconda metà del 2010.


Pubblicato da Luca Pezzoni, 01/03/2010
Gallery
Speciale Salone di Ginevra 2010, l'elenco aggiornato
Logo MotorBox