Autore:
Marco Rocca

E POI C’E’ LEI SUV di qua, SUV di là e le station wagon non le guarda più nessuno. Che peccato. Volete mettere il piacere di guidare più vicini al suolo, con un baricentro basso, invece che a mezzo metro da terra? Senza considerare il peso che su un SUV è prossimo alle 2 tonnellate. Due fattori che incidono non poco sulla guida e che, secondo me, premiano ancora le care vecchie giardinette (per usare un termine ormai obsoleto). Se vi mettessi sul piatto della bilancia anche il fattore premium della Casa dei quattro Anelli e la possibilità di fare un pieno con meno di 20 Euro, secondo me la wagon potrebbe battere il SUV.

IL METANO PREMIUM Sto parlando della nuova Audi A4 Avant g-tron, che ho avuto in prova per qualche tempo e che ha portato una parte della redazione al Salone di Ginevra da poco concluso. Sapete una cosa? Ero davvero curioso di provarla per capire come un marchio premium del calibro di Audi avesse sviluppato questa tecnologia. Si sentirà il passaggio da un carburante all’altro? A metano sarà meno potente? Come saranno le prestazioni? Per non parlare del bagagliaio. Sarà molto più piccolo per via dei serbatoi aggiuntivi?

UGUALE ALLE ALTRE Inizio col dire che se non fosse per le targhette identificative, la A4 Avant g-tron sarebbe totalmente indistinguibile dalle gemelle a benzina o a gasolio. L’allestimento S-Line, poi, sottolinea una bella sportività grazie ai cerchi da 18 pollici, all’assetto più sportivo e ad un abitacolo con un bel mix di pelle e Alcantara. E’ solo dal posto guida che si coglie la differenza osservando la strumentazione con il doppio indicatore del livello carburante, a sinistra quello del metano (con Led verdi) e a destra quello della benzina.

NO ALL’INTEGRALE E il bagagliaio? Qualcosa si perde, inutile nasconderlo. Del resto la scheda tecnica parla chiaro: 415/1.415 litri contro i 505/1.510 litri della versione standard. All’atto pratico bisogna lasciare a casa un paio di trolley ma anche la trazione integrale. Già, perché tra bombole e serbatoi (19 kg di gas e un serbatoio di benzina da 25 litri) piazzati al retrotreno di spazio per il differenziale posteriore proprio non ne rimane. Si può ordinare invece, e lo raccomando vivamente, il cambio S-Tronic a 7 rapporti, che in abbinamento a questa versione del 2.0 TFSI da 170 cv e 270 Nm di coppia, regala una fluidità di marcia di alto livello.

CHE NUMERI! Sfido io a capire quando si sta viaggiando in un modo o nell'altro anche perché il passaggio avviene automaticamente, non ci sono tasti da schiacciare. L’unica cosa è guardare la strumentazione. Coppia e potenza ce ne sono in abbondanza per muoversi con un bel brio. Del resto basta dare un occhio ai dati tecnici per capire che 8,4 secondi nello 0-100 per 223 km orari di punta massima non sono affatto male, anzi.

ZERO VIBRAZIONI In autostrada si gode di un ottima insonorizzazione a tutte le velocità. In città, invece, apprezzo il funzionamento senza la minima vibrazione del 2.0 TFSI. Fluidità, silenziosità e raffinatezza, sono superiori a quelle garantite dai diesel a 4 cilindri. Insomma il powertrain a doppia alimentazione dell’Audi A4 Avant g-tron lo promuovo a pieni voti. Anche perchè a condire il tutto ci sono uno sterzo dalla servoassistenza variabile sempre ben calibrato e sospensioni che lavorano bene in ogni condizione, sia forzando l’andatura, sia sulle asperità della strada.  

650 KM DI AUTONOMIA Viaggiando a gas l’erogazione della potenza è omogenea come quando si va a benzina. Uno degli accorgimenti dei tecnici Audi è stato quello di aumentare il rapporto di compressione a 12,6:1 per sfruttare al meglio il maggior potere antidetonante del gas naturale. L’autonomia? Sulla carta 500 di metano e 450 km di verde. In verità, però, ne ho fatti circa 400 a metano per un’autonomia complessiva tra i due serbatoi di 650 km.

18 EURO IL PIENO Dopo circa 1.000 km al volante della wagon a metano tra autostrada e città il con una guida perlopiù tranquilla, il computer di bordo indicava una media di 5,4 kg/100 km (quella omologata è di 3,8 kg/100 km). I circa 400 km garantiti dal gas metano costano circa 18 euro alla pompa. Insomma il risparmio c’è e poi anche la coscienza ringrazia visto che il metano (o CNG) è uno dei carburanti più puliti oggi disponibili. L’unica cosa è il prezzo d’acquisto, dell’Audi ovviamente. Quella in prova fissa il listino a 48.700 Euro, optional esclusi.


TAGS: audi a4 g tron prezzo audi a4 g tron km 0 audi a4 g tron metano prezzo audi a4 g tron prova