Autore:
Matteo Larini

VINCE DE VRIES Nick De Vries ha avuto un sabato perfetto a Le Castellet, conquistando una vittoria davvero importante in ottica campionato. Il pilota della ART Grand Prix si è involato subito in testa con una partenza splendida dalla quarta posizione davanti a Jack Aitken, al poleman Sergio Sette Camara e a Guan Yu Zhou.

RITIRO MICK La gara, però, è stata subito interrotta prima con una Virtual Safety Car dovuta all’errore di Sean Gelael, che ha messo fine alla gara della Prema con un’assurda staccata alla seconda esse che lo ha portato a colpire in pieno il compagno di box Mick Schumacher. In seguito, lo stop in traiettoria di Dorian Boccolacci ha costretto la direzione gara ad esporre la bandiera rossa.

ILLOT SBAGLIA Dopo la ripartenza, tutti i piloti delle prime file avevano le gomme morbide e sono passati alla mescola più dura. Grazie alle soste, Aitken ha superato il vincitore, ma il pilota olandese si è subito ripreso la posizione alla Chicane du Nord, mentre Illot, che stava disputando un’ottima gara, ha esagerato in lotta con Matsushita, è finito in testacoda ed ha causato un ulteriore periodo di VSC.

GHIOTTO OUT Nel prosieguo della corsa, grazie alla scelta di ritardare la sosta, Luca Ghiotto si è trovato in testa, ma una volta completato il pit-stop ha avuto problemi al volante culminati con il contatto con Correa, che ha messo fine ad un’altra gara da dimenticare in un periodo davvero difficile. Nel finale, Sette Camara ha strappato la piazza d’onore ad Aitken, mentre il cinese Guan Yu Zhou ha chiuso quarto davanti a Latifi, anonimo e autore di diversi errori in varie fasi della gara.

ALESI PRIMO PUNTO Completano la zona punti King, Correa, Hubert, Matsushita e Alesi, che partiva dalla pit-lane ed ha ottenuto il primo punto in F2. Domani, grazie all’inversione della griglia, Hubert scatterà in pole sulla pista di casa: la gara sprint inizierà alle 11.25 e vedrà De Vries partire con sedici punti di vantaggio sul canadese Latifi.


TAGS: Nick de Vries F2 2019 Feature Race Ghiotto Latifi Alesi