Autore:
Salvo Sardina

LATIFI SUPER Nelle qualifiche di ieri aveva ottenuto solo la terza posizione. Oggi, nella prima manche della Formula 2 a Budapest, il canadese Nicholas Latifi è però riuscito a beffare il poleman Nyck De Vries e Luca Ghiotto (che gli partiva subito al fianco in prima fila) per andarsi a prendere la quarta vittoria della stagione. Il ventiquattrenne canadese è stato bravissimo a infilare il pilota Uni-Virtuosi già allo spegnimento dei semafori, approfittando di un leggero lungo in curva-1 da parte del leader del campionato, per installarsi al comando già nella staccata verso curva-2. Latifi ha poi condotto senza grossi problemi il resto della gara, seguito sotto la bandiera a scacchi – sventolata in regime di Safety Car per la rottura del motore di Ralph Boschung, che ha letteralmente inondato la pista di olio ritardando anche la partenza delle libere 3 della F1 – dal rivale De Vries e da Jack Aitken.

GHIOTTO PENALIZZATO Come detto, non ci sono poi state grosse emozioni nel resto della gara, almeno per quanto riguarda i piloti di vertice. Latifi ha condotto comodamente anche dopo il pit-stop, seguito a una certa distanza da De Vries e Ghiotto. Proprio l’italiano è però rimasto in pista per un giro di troppo prima del cambio gomme, perdendo la posizione per mano del britannico Aitken. In regime di Virtual Safety Car, il vicentino non ha rispettato il tempo minimo previsto, ricevendo una penalità di cinque secondi che lo ha fatto scivolare dal quarto al sesto posto finale. Davanti a lui, Sergio Sette Camara e Nobuharu Matsushita, prima che poi la Direzione gara decidesse di togliergli la penalità e restituirgli la quarta posizione meritata sul campo.

PICCOLI PASSI Sette sono i punti guadagnati oggi in campionato da Latifi su De Vries, ai quali vanno però sottratti i quattro che l’olandesino volante aveva conquistato ieri grazie alla pole position. Dunque è con questa politica dei piccoli passi che il canadese prova a riavvicinarsi al leader della classifica: 28 sono le lunghezze che separano i primi due della generale. Ghiotto resta in terza posizione (-58), seguito dal brasiliano Sette Camara. Domani, domenica 4 agosto, la gara Sprint partirà alle 11.25, con Mick Schumacher (oggi ottavo) in pole position: arriverà il primo podio in F2 per il tedeschino figlio del leggendario Michael?

Formula 2 2019, risultati Feature Race Budapest:

Pos Pilota Team Distacco Giri
1 N. Latifi DAMS   37
2 N. de Vries ART Grand Prix +0.752 37
3 J. Aitken Campos Racing +1.045 37
4 L. Ghiotto UNI-Virtuosi +2.995 37
5 S. Sette Câmara DAMS +4.144 37
6 J. King MP Motorsport +5.048 37
7 N. Matsushita Carlin +5.282 37
8 M. Schumacher PREMA Racing +15.807 37
9 G. Zhou UNI-Virtuosi +17.795 37
10 C. Ilott Sauber Junior by Charouz +18.562 37
11 A. Hubert BWT Arden +20.018 37
12 N. Mazepin ART Grand Prix +22.072 37
13 G. Alesi Trident +22.754 37
14 J. Correa Sauber Junior by Charouz +23.756 37
15 S. Gelael PREMA Racing +28.183 37
16 T. Calderón BWT Arden +75.823 37
17 M. Raghunathan MP Motorsport +76.712 37
18 R. Boschung Trident Ritirato 33
19 A. Maini Campos Racing Ritirato 17
20 L. Delétraz Carlin Ritirato 3

In grassetto il pilota che ha ottenuto il giro più veloce

Formula 2 2019, classifica piloti dopo la Feature Race Budapest (top-10):

Pos Pilota Team Punti
1 N. De Vries ART Grand Prix 192
2 N. Latifi DAMS 164
3 L. Ghiotto UNI-Virtuosi Racing 134
4 S. Sette Camara DAMS 131
5 J. Aitken Campos Racing 128
6 G. Zhou UNI-Virtuosi Racing 107
7 F. Hubert BWT Arden 77
8 N. Matsushita Carlin 71
9 L. Deletraz Carlin 60
10 J. King MP Motorsport 51

TAGS: GP ungheria budapest formula 2 F2 2019 De Vries Ghiotto Latifi Aitken F2 Ungheria