Pubblicato il 02/08/20

L'AZZARDO NON PAGA Dopo la seconda Safety Car del Gran Premio di Gran Bretagna di oggi, tra i protagonisti del GP c'è stato Romain Grosjean, unico a essere rimasto in pista con le stesse gomme con la quale era partito, sperando che una terza Safety Car più avanti gli potesse regalare le posizioni conquistate con l'azzardo. Invece da lì in poi la gara è scorsa via piuttosto tranquilla fino agli ultimissimi giri, e così il pilota della Haas ha dovuto fare i conti con il degrado delle sue gomme e subire attacchi di diversi piloti. Le difese di Romain sono state però un po' sopra le righe e i commissari di gara hanno esposto al pilota francese la bandiera bianconera (un avviso prima della squalifica, che da regolamento avviene con la bandiera nera) in quanto reo di aver cambiato direzione più volte in frenata, ostacolando le manovre di chi provava a superarlo.

CRITICHE DEI COLLEGHI È soprattutto con due dei suoi rivali che Grosjean ha sfiorato la collisione, ossia con Carlos Sainz e Daniel Ricciardo. L'ammonizione per il francese è arrivata dopo la manovra di difesa fatta in pimis sullo spagnolo, che al termine della gara ai microfoni del ring ha dichiarato: ''Nella parte centrale della gara ho dovuto salvare le gomme e me la sono dovuta vedere con Romain Grosjean che è stato molto pericoloso''. Anche Daniel Ricciardo non ha avuto remore nel sottolineare il comportamento del pilota della Haas, e già in gara via team radio aveva affermato: ''Questa è stata brutta''.

AMMONITO! I commissari di gara hanno punito Grosjean con la seguente motivazione: ''Muoversi mentre si frena mentre un'altra auto sta provando a sorpasssare è considerata dai piloti come una manovra molto pericolosa. Grosjean ci ha spiegato che in entrambi i casi la sua manovra è stata precedente alla zona di frenata, anche se nel secondo caso era molto prossima. I piloti hanno concordato con noi che si trattavano entrambe di mosse tardive, di reazione, e Ricciardo ha concordato che nel suo caso, sebbene al limite, fosse ancora gestibile, così abbiamo emesso un warning (un'ammonizione) nei confronti di Grosjean''.

GP Gran Bretagna 2020, Silverstone: Romain Grosjean (Haas)

NON MI INTERESSA Parlando dell'accaduto, prima di recarsi dai commissari, Grosjean ha spiegato a Channel 4: ''Non ho ancora rivisto il filmato ma ero sicuro di aver lasciato comunque più della larghezza di un'auto e questo è ancora nelle regole, a meno che non le abbiano cambiate. Ci siamo lamentati per anni di Max Verstappen quando lo faceva, era divertente e non c'erano regole a riguardo, perciò ho pensato di potermi un po' difendermi così oggi cercando di allargare l'auto. Non abbiamo molte occasioni per brillare, e dunque oggi ho fatto quel che potevo. Non mi interessa di quello che dicono gli altri (rispondendo al giornalista che gli riferiva quanto affermato da Ricciardo), mi dispiace se ho fatto qualcosa di sbagliato ma non vedo moltissimo dagli specchietti e il DRS si chiude in fretta, quindi a volte è difficile giudicare, anche se sono sicuro di aver lasciato loro lo spazio''.


TAGS: renault formula 1 mclaren silverstone Carlos Sainz romain grosjean daniel ricciardo haas f1 2020 gp gran bretagna BritishGP 2020