Pubblicato il 02/08/20

OTTIMO LAVORO! La Ferrari archivia il primo gran premio sul circuito di Silverstone con due vetture in zona punti e una di queste, quella di Charles Leclerc, addirittura sul podio. Un risultato insperato alla vigilia, date le caratteristiche del tracciato poco adatte alla SF1000, ma gli uomini di Maranello hanno preparato bene la gara, portando un'ala molto scarica che ha aiutato le prestazioni in particolare del monegasco che, dal canto suo, è stato impeccabile sia sabato sia domenica. Il premio finale è stato il quarto posto divenuto terzo grazie alla foratura che nel finale ha fatto scivolare fuori dalla zona punti Valtteri Bottas.

CHI VA PIANO... Il team principal Mattia Binotto ha spiegato come Charles Leclerc abbia tenuto una condotta di gara perfetta per ottenere il massimo risultato possibile, preservando le gomme fino alla fine: ''Leclerc è stato molto bravo ieri in qualifica e oggi in gara. Oggi in particolare è stato bravo nel gestire le gomme, sapevamo che con questa configurazione alare avevamo un vantaggio in qualifica e poi l'usura sarebbe stata da gestire. Con i nostri ingegneri ha fatto un bel lavoro, dando indicazioni continue e non prendendo rischi. Charles è stato molto paziente, fin dal primo giro, non hai spinto nelle curve veloci. L'andar piano per arrivare in fondo, questa è stata un po' la sua gara, gestita molto bene e premiata alla fine''.

VETTEL SENZA CONDIFENZA Meno brillante la prestazione di Sebastian Vettel, classificatosi solo decimo difendendo nel finale con i denti la posizione dagli attacchi di Bottas, rientrato in pista con gomma Soft dopo la foratura. Binotto ha spiegato così le difficoltà del tedesco: ''La parte meno bella penso che sia ancora la prestazione della nostra vettura, il terzo posto è il massimo a cui si può sperare in questo momento. Seb ha perso una sessione, non ha mai trovato il ritmo e quell'assetto che possa dare confidenza per poter spingere. Adesso abbiamo qualche giorno prima di tornare su questa pista, è importante guardare bene i dati e trovare qualcosa di diverso che possa metterlo in condizione di lottare. La macchina tra anteriore e posteriore era comunque bilanciata, se sia il carico aerodinamico il problema per lui lo guarderemo dai dati. Questa è un'ala che abbiamo portato dopo aver fatto simulazioni a priori, quindi è stata sì una scommessa, ma anche frutto di analisi, per noi era l'ala ideale per una pista come questa considerata la nostra vettura. Ripartiamo da questo, poi valuteremo''.

F1, GP Gran Bretagna 2020: Sebastian Vettel (Ferrari) seguito da Pierre Gasly (Alpha Tauri)

IL CALVARIO DEL TEDESCO Vettel ha confermato le parole di Binotto raccontando le difficoltà incontrare lungo tutto l'arco della gara: ''Il risultato è stato molto scarso, ma la macchina era estremamente difficile da guidare. Ho faticato parecchio a trovare fiducia, non so perché. Dobbiamo esaminare con attenzione, ma senz'altro se fatico per così tanti giri in gara, in sostanza dall'inizio alla fine, c'è qualche cosa che probabilmente non è andato come doveva. Non stata una gara stressante, ma non ho avuto opportunità: chi mi stava vicino era più veloce di me, tutti erano più veloci. Venivo superato, era molto difficile gestire la situazione e rimanere in pista. Fisicamente non è stata una gara difficile perché non potevo mai attaccare, la macchina non me lo consentiva. Dobbiamo esaminare perché, c'è il prossimo weekend che ci può permettere di migliorare. Entrambe le macchine sono molto simili, quindi non credo che sia l'assetto, dobbiamo guardare: non c'è un punto dove ho guidato male, perdevamo tempo lungo tutto il giro''.

FILMING DAY SENZA NOVITA' Infine, tornando a Binotto, il team principal della Ferrari ha spiegato di non avere in programma di portare grosse novità nel filming day che la Ferrari terrà mercoledì sempre a Silverstone: ''Non c'è lavoro particolare, non sono previsti cambiamenti radicali o componenti significativi in macchina. Sono chilometri limitati, si gira dietro un'altra macchina. Ci concentreremo piuttosto in questi giorni a guardare i dati, lavorare a casa al simulatore e prepararci alle sessioni del venerdì''.

 


TAGS: ferrari vettel f1 binotto leclerc BritishGP 2020