F1 2022

Come frena una F1 a Monza? I segreti del GP Italia con Brembo


Avatar di Simone Valtieri , il 06/09/22

2 settimane fa - Tutti i segreti della pista di Monza per la F1 svelati da Brembo

È ora di conoscere i segreti di Monza! Scopriamo come si guida (e si frena!) in Italia nell'anno del centenario dell'Autodromo grazie ai dati Brembo
Benvenuto nello Speciale ITALIANGP 2022, composto da 24 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario ITALIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

MONZA, SEDICESIMA TAPPA Dopo le tappe ravvicinate di Spa Francorchams e Zandvoort, tocca all'Italia chiudere il trittico europeo di gare che chiude le tappe nel Vecchio Continente per la Formula 1 2022. Si arriva a Monza con nuove e più pesanti auto rispetto all'anno scorso e, soprattutto, nell'anno in cui l'Autodromo lombardo compie 100 anni! Il mondiale sembra già chiuso, con Max Verstappen e la Red Bull Racing che partono da favoriti anche nella tappa nel Belpaese, ma Charles Leclerc, Carlos Sainz e la Ferrari ci tengono a fare bene e non rendere le cose facili ai rivali. Per farsi un'idea migliore di ci che accadrà nel corso del weekend olandese è fondamentale leggere con attenzione i dati che Brembo - l'azienda italiana che fornisce gli impianti frenanti a quasi tutta la griglia, rilascia per capire come si guida (e si frena!) sul brevissimo ma tortuoso tracciato di Zandvoort. Di seguito troverete la carta d'identità, i dati delle frenate principali e un focus video sulla frenata più severa del circuito, buona lettura!

I SEGRETI DI MONZA

La carta d'identità della pista

Ultimo appuntamento stagionale in Europa per la Formula 1 che dopo il GP Italia farà tappa in Asia, poi nelle Americhe per concludersi in Medio Oriente. Secondo i tecnici Brembo l’Autodromo Nazionale Monza rientra nella categoria dei circuiti mediamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 3. Lo scarso carico aerodinamico utilizzato per sfruttare i lunghissimi rettilinei si traduce in alte velocità di inizio frenata ed elevata energia da smaltire nelle staccate alle tre Varianti (del Rettifilo, della Roggia e Ascari) richiedendo un notevole sforzo al pilota e un buon bilanciamento della frenata tra anteriore e posteriore. 

  • Categoria di frenata: Medium (3 su 5)
  • Tempo speso in frenata: 12%
  • Lunghezza circuito 5.793 metri
  • Numero di giri: 53
  • Numero di frenate: 06
  • Le tre curve più impegnative: curva 1, curva 8 e curva 4.

Tutte le frenate

L'antidrag Brembo per le auto di Formula 1

Sulle auto di Formula 1 ogni elemento deve essere ottimizzato, evitando il verificarsi di comportamenti che riducono la performance complessiva. Di solito questa attenzione viene concentrata sulle appendici alari e sulla scocca delle monoposto, ma anche altre componenti possono incidere negativamente. Una di queste anomalie è stata risolto da Brembo con l’introduzione sulle pinze dell’antidrag, un sistema realizzato tramite una molla torsionale che riduce la coppia residua, cioè lo strisciamento non voluto tra disco e pastiglia, anche in condizioni estreme. Quando il freno non è azionato la leva evita infatti il contatto tra le due parti andando ad eliminare anche la minima resistenza all’avanzamento della vettura

.

Caliper anteriore F1 by Brembo Caliper anteriore F1 by Brembo

L'antidrag Brembo per le auto stradali

Se nelle competizioni l’antidrag evita la riduzione della performance, sulle auto stradali permette di ottenere due benefici, che sono cari agli automobilisti: l’incremento della durata dei componenti e l’abbattimento delle emissioni poiché limita l’usura di pastiglie e dischi, contenendo le particelle generate da frizioni residue. Ci riesce grazie a Enesys, acronimo di Energy Saving System, una nuova generazione tecnologica di molle freno Brembo, realizzata per diminuire la coppia residua dei freni. Grazie ad esse le pastiglie tornano alla posizione originaria nella pinza una volta che il pedale del freno viene rilasciato. 

VEDI ANCHE



Scopri di più su questa geniale soluzione.​

I dati sulle frenate

Malgrado abbia solo 6 frenate, l’Autodromo Nazionale Monza comporta un tempo di impiego dei freni sul giro di nove secondi e mezzo. L’altra pista italiana del Mondiale, quella di Imola, ha 10 frenate al giro ma la somma di queste genera un funzionamento dell’impianto frenante di appena 11 secondi. In termini percentuali nel GP Italia i freni sono attivi per il 12 per cento della durata complessiva della gara, il dato più basso della seconda parte del campionato. Notevoli sono però i 4,4 g della curva 8 che si segnala anche per i 135 kg di carico sul pedale. Dalla partenza alla bandiera a scacchi a Monza ogni pilota esercita un carico complessivo sul pedale del freno di 40 tonnellate.

Brembo, disco più caliper anteriore per F1 Brembo, disco più caliper anteriore per F1

La frenata più impegnativa

Delle 6 frenate del GP Italia 4 sono considerate altamente impegnative per i freni e 2 sono di media difficoltà. La più dura per l’impianto frenante è la prima dopo la partenza: le monoposto vi arrivano a 334 km/h e scendono a 76 km/h in soli 139 metri. Per riuscirci i piloti frenano per 2,81 secondi esercitando un carico di 135 kg sul pedale del freno ed affrontando una decelerazione di 4,3 g. ​​

Poster Ferrari-Red Bull by Brembo Poster Ferrari-Red Bull by Brembo

​In copertina il video dedicato alla frenata più impegnativa.


Pubblicato da Simone Valtieri, 06/09/2022
Tags
Gallery
ItalianGP 2022
Logo MotorBox