F1 2022

Come frena una F1 a Spa-Francorchamps? I segreti del GP Belgio con Brembo


Avatar di Simone Valtieri , il 25/08/22

1 mese fa - Tutti i segreti della pista di Spa-Francorchamps per la F1 svelati da Brembo

È ora di conoscere i segreti di Spa Francorchamps! Scopriamo come si guida (e si frena!) in Belgio grazie ai dati Brembo
Benvenuto nello Speciale BELGIANGP 2022, composto da 22 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario BELGIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SPA FRANCORCHAMPS, QUATTORDICESIMA TAPPA La Formula 1 torna a oltre un mese di distanza dal Gran Premio d'Ungheria con i piloti riposati dalle vacanze e desiderosi di saltare di nuovo nei loro abitacoli per affrontare Eau Rouge e Radillon, Malmedy e Blanchimont e Bus Stop sull'iconica pista di Spa-Francorchamps, dove domenica si svolgerà il Gran Premio del Belgio. Max Verstappen è saldamente in testa alla classifica piloti, così come la Red Bull Racing comanda con autorevolezza quella costruttori. Charles Leclerc e la Ferrari hanno una delle ultime chance di tornare competitivi per il titolo 2022 e non dovranno sprecarla proprio dove il monegasco ttenne la sua prima vittoria. Per farsi un'idea migliore di ci che accadrà nel corso del weekend tra le Ardenne è fondamentale leggere con attenzione i dati che Brembo - l'azienda italiana che fornisce gli impianti frenanti a quasi tutta la griglia, rilascia per capire come si guida (e si frena!) sul sinuoso tracciato di Spa Francorchamps. Di seguito troverete la carta d'identità, i dati delle frenate principali e un focus video sulla frenata più severa del circuito, buona lettura!

I SEGRETI DI SPA-FRANCORCHAMPS

La carta d'identità della pista

Dopo quattro settimane di sosta, il Campionato del Mondo Formula 1 riparte dal Belgio per il primo di tre GP in altrettanti week-end. Secondo i tecnici Brembo il Circuit de Spa-Francorchamps rientra nella categoria dei circuiti impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 5 si è meritato un indice di difficoltà di 4. È considerata la pista più completa della Formula 1 perché in poco più di 7 km si trovano curve e rettilinei di ogni forma e lunghezza. Uno dei suoi tratti caratteristici è la presenza di tre frenate di almeno 2 secondi e mezzo, un tris che non presenta nessun altro tracciato in calendario. 

  • Categoria di frenata: Hard (4 su 5)
  • Tempo speso in frenata: 13%
  • Lunghezza circuito 7.004 metri
  • Numero di giri: 44
  • Numero di frenate: 07
  • Le tre curve più impegnative: curva 5, curva 1 e curva 12.

Tutte le frenate

Brembo e l'inversione di rotta delle pinze dei freni

Quest’anno l’incremento del diametro dei cerchi, da 13 a 18 pollici, delle nuove monoposto di Formula 1 ha prodotto un aumento del diametro dei dischi freno. La maggiore forza frenante richiesta si è a sua volta tradotta nella crescita delle misure delle pinze freno Brembo in lega d’alluminio ricavate dal pieno e nichelate. In media le dimensioni delle pinze sono aumentate del 10 per cento, sia per l’anteriore che per il posteriore. Un’inversione di tendenza rispetto alle ultime stagioni. Inoltre quest’anno tutti i team utilizzano le pinze a 6 pistoni, anche al posteriore: scompaiono così le pinze posteriori a 4 pistoni che erano scelte da chi privilegiava la leggerezza.

Le pinze dei freni per le auto stradali con canalizzazioni interne

Anche per le vetture di serie le dimensioni delle pinze e la loro idraulica – leggasi numero dei pistoni – sono legate alle caratteristiche del veicolo che vanno ad equipaggiare. Progettate per chi desidera il massimo dalla propria automobile, le pinze Brembo della famiglia B-M hanno caratteristiche tecniche simili a quelle delle pinze racing ricavate dal pieno. Lavorate da un grezzo di alluminio fuso con un processo di fusione con tecnologia 4D e con le canalizzazioni del fluido interne, queste pinze garantiscono una eccezionale rigidità e una limitata deformazione. 

Dai un’occhiata a tutti i vantaggi dei sistemi frenanti B-M4, B-M6 e B-M8.

VEDI ANCHE



I dati sulle frenate

Pur essendo la pista più lunga del Mondiale, i freni vengono usati appena 7 volte al giro, cioè in media una volta al chilometro, anche se nelle prime 7 curve i piloti Formula 1 li utilizzano soltanto 2 volte. Ogni giro l’impianto frenante è in funzione per poco meno di 14 secondi, equivalenti ad appena il 13 per cento della durata complessiva della gara. Alla prima e all’ultima curva le monoposto perdono oltre 200 km/h grazie ad un’azione sui freni di oltre 2 secondi e mezzo durante i quali percorrono almeno 120 metri. La frenata più lunga è però alla curva 8, con 131 metri. Notevoli sono anche i carichi sul pedale, con punte di 138 kg per le prime due frenate. Eppure dalla partenza alla bandiera a scacchi ciascun pilota esercita un carico sul pedale del freno inferiore alle 38 tonnellate, uno dei dati più bassi del campionato. Ridotto utilizzo dei freni, quindi, ma quando in uso le sollecitazioni sull’impianto sono molto elevate.​

La frenata più impegnativa

Delle 7 frenate del GP Belgio 5 sono considerate altamente impegnative per i freni e le restanti 2 sono di media difficoltà. La più dura per l’impianto frenante è la curva 5: le monoposto vi arrivano a 327 km/h e scendono a 150 km/h in soli 120 metri. Ai piloti di Formula 1 basta frenare per 1,98 secondi ma devono applicare una forza di addirittura 138 kg sul pedale del freno ed affrontare una decelerazione di 4,7 g. ​​

​In copertina il video dedicato alla frenata più impegnativa.


Pubblicato da Simone Valtieri, 25/08/2022
Tags
Gallery
BelgianGP 2022
Logo MotorBox