Mercedes: ecco cos'era il liquido perso da Hamilton a Spa
F1 2022

Mercedes analizza l'incidente di Hamilton a Spa e... ringrazia Alonso per le immagini


Avatar di Luca Manacorda , il 31/08/22

3 settimane fa - La Mercedes ha svolto una prima analisi sull'incidente di Spa

La Mercedes ha svolto una prima analisi sull'incidente di Spa: dall'impatto al suolo ai danni più visibili
Benvenuto nello Speciale BELGIANGP 2022, composto da 22 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario BELGIANGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SCHIANTO AL SUOLO Il contatto con l'Alpine di Fernando Alonso nel corso del primo giro del GP Belgio non ha solo posto fine anticipatamente alla gara di Lewis Hamilton, ma ha anche danneggiato pesantemente la sua W13. La monoposto si è alzata in aria soprattutto con il retrotreno prima di ricadere al suolo, con un impatto violento che ha avuto conseguenze meccaniche sull'auto ma fortunatamente non fisiche sul pilota.

LA FORZA DELL'IMPATTO La Mercedes ha analizzato l'incidente avvenuto domenica e nel consueto debriefing post gran premio il direttore della strategia James Vowles ha reso noti i dati dell'impatto al suolo: ''Ci sono abbastanza foto che circolano su Internet per mostrare quanto fosse schizzata in alto l'auto, come sia atterrata e quanto l'impatto sia stato grande. È stato misurato in 45G sul registratore SDR della vettura, un impatto molto grande su un carico verticale. Lewis sta bene e tornerà a Zandvoort per combattere. Penso che principalmente sia frustrato, frustrato dal fatto che avesse un'auto molto veloce e che un podio fosse possibile ma lui, come tutti noi, è qui per combattere e continuare ad andare avanti''.

VEDI ANCHE


LA PERDITA DI LIQUIDO Dopo il contatto Hamilton ha inizialmente cercato di proseguire, ma via radio il team gli ha poi intimato lo stop in pista. Dalla sua Mercedes usciva una nuvola di liquido e il rischio era quello di danneggiare pesantemente la power-unit. Il muretto ha potuto capire subito di cosa si trattasse dalle immagini onboard registrate dalla monoposto proprio di Alonso, che in quelle fasi si trovava ancora dietro al sette volte iridato. Vowles ha spiegato: ''Quello che abbiamo notato quasi subito dopo l'impatto al suolo è stata una perdita di liquido di raffreddamento. Si poteva effettivamente vedere dall'onboard di Alonso che il liquido di raffreddamento schizzava verso di lui, poi abbiamo iniziato a vedere le temperature aumentare abbastanza rapidamente e questa è stata la ragione principale per decidere fermarlo in pista''.

POSSIBILI RIPERCUSSIONI Al momento, in casa Mercedes non è ancora chiaro se l'impatto costringerà a sostituire alcune componenti della monoposto, con attenzione particolare alle sospensioni e al cambio, particolare che potrebbe portare Hamilton ad andare incontro a una retrocessione sulla griglia di partenza: ''Ora ci vorranno alcuni giorni per rivedere tutti i componenti, chiaramente ci saranno stati sovraccarichi sui componenti delle sospensioni e sul cambio e dobbiamo assicurarci di comprendere l'intera portata di ciò prima di Zandvoort''.


Pubblicato da Luca Manacorda, 31/08/2022
Tags
BelgianGP 2022
Logo MotorBox