Autore:
Salvo Sardina

SORPRESA Stamattina vi avevamo parlato di quanto Fernando Alonso sia diventato un pilota eclettico, capace di saltare con disinvoltura da una monoposto da quasi 400 km/h a un prototipo Le Mans, per poi recarsi nel bel mezzo del deserto a testare la Toyota Hilux vittoriosa alla Dakar 2019. Ebbene, tanto per avvalorare ulteriormente il concetto, l’asturiano farà un viaggio da un deserto, quello del Sudafrica, all’altro. Perché sarà impegnato con la McLaren MCL34 nei prossimi test che si terranno a Sakhir il 2 e il 3 aprile all’indomani del Gp del Bahrain.

RITORNO IN F1 Già nel corso dei test precampionato a Barcellona, si era tanto discusso della possibilità che il bicampione di Oviedo – che quest’anno si è preso una stagione di pausa dalla Formula 1 per dedicarsi alla Indy500 e alla conclusione della sua annata nel Wec – salisse sulla McLaren 2019 per indirizzare gli ingegneri nella progettazione della vettura. Indiscrezioni poi smentite dalla stessa scuderia di Woking, che nel frattempo aveva però nominato Fernando ambasciatore del team e pilota di sviluppo. Adesso c’è invece la conferma ufficiale: Fernando non solo tornerà nel box del team inglese in Bahrain, ma sarà impegnato al volante della MCL34 nelle giornate di martedì e mercoledì prossimo. Gli stessi giorni già attesissimi per il debutto di Mick Schumacher in Ferrari e, poi, in Alfa Romeo.

TEST PIRELLI La McLaren, nello specifico, sarà presente con due anziché con una sola monoposto. In entrambi i giorni lo spagnolo verrà infatti messo a disposizione della Pirelli per lo sviluppo delle gomme 2020: il che vuol dire che Fernando non potrà provare nuove componenti per conto di Norris e Sainz, anche se gli sarà comunque possibile saggiare la validità del pacchetto messo in pista dai tecnici di Woking. Alonso potrebbe tornare ancora al volante anche nella seconda sessione di in-season test che si terranno all’indomani del Gp di Spagna: la McLaren potrà infatti utilizzare il giovane titolare Lando Norris – al volante sia martedì che mercoledì – per ottemperare alla regola secondo cui un rookie deve guidare almeno in due dei quattro giorni di test in programma.


TAGS: formula 1 mclaren alonso f1 GP bahrain f1 2019 Test Bahrain BahrainGP 2019