Autore:
Matteo Larini

SITUAZIONE RIBALTATA Se in Australia era stata la Mercedes a dominare sin dal primo turno di prove libere, complice forse un’errata impostazione di assetto delle due Ferrari, sulle pieghe del Bahrain il ruolo di lepre è toccato ai due ferraristi, mentre Hamilton e Bottas hanno dovuto accontentarsi della seconda fila, distanziati di oltre tre decimi. Il team principal Toto Wolff, intervistato da Sky, non pare però troppo preoccupato, pur sapendo che c’è ancora del lavoro da fare: “[Questo risultato] Non è una grande sorpresa, loro sono andati molto veloci anche ieri, questi due o tre decimi tra noi e loro li avevamo visti. Tra le curve vediamo che la macchina va bene, siamo contenti, ma ci manca un po' di velocità in rettilineo, è questione di potenza ma anche un po' della resistenza aerodinamica che abbiamo”.

VANTAGGIO MERCEDES IN CURVA Anche se il drag pare penalizzare la W10 sui lunghi rettilinei del tracciato di Sakhir, il manager austriaco spera molto nella gara, essendo consapevole dei pregi della monoposto anglo-tedesca, molto rapida in curva: “Può essere che non siamo riusciti a trovare il giusto compromesso tra drag e alta velocità, ma siamo molto più veloci di tutti gli altri in curva. Non c'è una sola curva dove non siamo i più veloci di tutta la griglia. Però, se si ha una vettura che va bene tra le curve, allora va bene anche in gara e tratta meglio le gomme, ed è per questo che sono fiducioso per domani”.

HAMILTON SODDISFATTO La pole-position conquistata a Melbourne è diventata un terzo posto in griglia di partenza a Sakhir, ma il campione del mondo in carica è felice di quanto fatto dopo un venerdì non ideale: “È stata una sessione molto positiva in generale, ieri è stata una faticaccia e tutto il weekend abbiamo visto un passo incredibile da parte delle Ferrari. Onestamente non pensavo che saremmo arrivati così vicini perché loro sul rettilineo avevano una velocità pazzesca. E abbiamo perso parecchio tempo anche oggi… Questo fine settimana è stato una grande svolta per loro”.

TRIBUTO A LECLERC L’inglese della Mercedes si è poi complimentato con il monegasco Leclerc, diventato con la pole odierna il secondo più giovane pole-sitter della storia dopo Sebastian Vettel: Congratulazioni a Charles, ha fatto un lavoro incredibile e sono davvero tanto contento per lui e per la sua prima pole. È un sogno che ti prefissi quando sei giovane, per lui è arrivato oggi e sicuramente lo merita. Non avrei potuto però fare il suo stesso tempo, questo significa che c'è ancora del lavoro da fare: i punti, però, vengono assegnati domani, quindi è ancora tutto in gioco e cercheremo di concentrarci tenendo la testa bassa e cercando di sfruttare al massimo la strategia per fare una bella gara. Ho anche tenuto una gomma in più per domani, il che mi rende particolarmente contento”.


TAGS: mercedes formula 1 f1 qualifiche Hamilton GP bahrain wolff f1 2019 BahrainGP 2019