Autore:
Simone Valtieri

SFIDA IN CASA La profezia di molti - ossia che quel giovane dal sorriso sbarazzino che risponde al nome di Charles Leclerc potesse essere un rivale ben più duro di tanti altri per Sebastian Vettel - ha iniziato ad avverarsi oggi, in Bahrain, dove il monegasco della Ferrari ha strappato la prima pole position della sua carriera, diventando il secondo più giovane pilota della storia a fare una pole in Formula 1 (Il primo resta il suo compagno, a Monza nel 2008 con la Toro Rosso), il più giovane con una macchina rossa. 

PRATICAMENTE PERFETTO Leclerc con la sua SF90 sulla pista di Sakhir (dove aveva conquistato anche la sua pole d'esordio in Formula 2) è stato praticamente perfetto, riuscendo a rintuzzare gli attacchi di una Mercedes sempre viva e comportandosi meglio del suo blasonato compagno di team Vettel, limitato peraltro dalla possibilità di compiere un solo tentativo nella Q3 dal traffico trovato nel segmento di qualifiche precedenti, ma incapace di battere nel suo unico giro, anche il primo tempo realizzato da Leclerc nella Q3. 

POLE MERITATA In sostanza questo vuol dire che di tutti i giri fatti oggi, Leclerc è l'autore dei due migliori. Il primo tentativo in Q3 lo aveva portato a eguagliare al millesimo il record della pista di Sebastian, ottenuto lo scorso anno: 1'27"958. Il secondo, nonostante una piccolissima sbavatura nel finale, lo ha fatto diventare l'uomo più veloce di sempre sulla pista di Sakhir, in 1'27"866. Appena sceso dalla macchina, Charles ha ricevuto i complimenti e gli abbracci del suo compagno, così come quelli di Lewis Hamilton, due ragazzi che hanno vinto in carriera la bellezza di 9 titoli mondiali complessivi, e che oggi gli sono rimasti lontani entrambi circa 3 decimi.

PIEDI PER TERRA Dopo aver raccontato qualche parola a caldo all'ex pilota Paul Di Resta sulla griglia di partenza, Charles si è presentato a ritirare il poleman trophy Pirelli dalle mani di Mario Isola, a fare le foto di rito, e poi dritto in conferenza stampa, nella sala che gradirebbe frequentare anche domani, perché la stoffa del campione impone di restare concentrati, e come dice lo stesso Leclerc - spoiler - i punti si assegnano tutti domani.

I PUNTI DOMANI "Sto vivendo tantissime emozioni, ma sto anche cercando di mantenere la calma il più possibile" - ha esordito Leclerc davanti ai giornalisti - "Purtroppo oggi non si assegnano punti per la pole, quelli saranno assegnati tutti domani, ma ovviamente mi sto godendo il momento. È stata una grande giornata, e finora è stato anche un grande weekend per noi, mi auguro che possa continuare anche domani. L'obiettivo è concentrarmi sulla gara e cercare di fare il meglio possibile, comunque è fantastico essere qui davanti a voi oggi."

SEMPRE DI PIÙ Charles conclude le qualifiche con tutti i best sectors e con i migliori tempi in ogni segmento di qualifica, per cui sembra quasi scontato che possa affermare di aver fatto il massimo, invece no, i campioni raramente sono soddisfatti: "Credo che si possa sempre fare meglio, ma tutto sommato posso dire di essere contento del mio giro in Q3. Quel segmento di qualifica era stato il mio punto debole nella prima gara, in Australia. Ero deluso, invece oggi sono soddisfatto, credo di aver messo insieme i miei settori migliori ed è ciò che volevo. Poi, ripeto, si può sempre fare meglio, ma sono contento."


TAGS: ferrari formula 1 vettel Charles Leclerc binotto leclerc f1 2019 BahrainGP 2019 GP Bahrain 2019 BahrainGP Qualifiche GP Bahrain 2019