Prova su strada

Mini 5 porte


Avatar di Mario Cornicchia , il 19/10/14

6 anni fa - Più lunga, più pratica, ma sempre Mini. Guarda il video

Più lunga, più pratica, ma sempre Mini, la Mini 5 porte offre anche un poco di spazio in più per amici, famiglia e bagagli. Guarda il video

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2014, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2014 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

COM’E’ Se nel 2001 ci avessero proposto due versioni della nuova Mini made in BMW, avremmo gridato allo scandalo: la Mini è solo e soltanto a tre porte! Ora, a 13 anni di distanza ci siamo abituati a vedere Mini come un marchio, come una famiglia di auto tutte declinazioni della Mini a 3 porte. E ora, dopo Countryman, improbabili coupé e roadster e la riedizione della mitica Clubman, è arrivato il momento della Mini 5 porte. E vederla in strada sembra quasi questa la Mini giusta, tanto siamo abituati a vedere l’85% delle auto della sua categoria con cinque comode porte.

LA FAMIGLIA SI ALLARGA (E SI ALLUNGA) Per dare spazio alle due porte supplementari la Mini si allunga di 16,1 centimetri fino sfiorare i quattro metri nelle versioni base (3,98cm) e fino a 4 metri esatti per le versioni S. Di questo salutare stretching 7,2 centimetri riguardano l’allungamento del passo per offrire 5 centimetri in più alle ginocchia di chi siede dietro. Ospiti che, ora, diventano 3 per un totale di cinque posti omologati.

LATO B Allungando il passo le proporzioni della Mini 5 porte rimangono ben equilibrate, mantenendo uno sbalzo posteriore identico a quello delle 3 porte, tanto da condividere anche il paraurti. Rispetto alla 3 porte la Mini 5 porte cambia l’inclinazione del lunotto, più orizzontale e più sportivo, scelta forse seguita per rendere le forme più compatte e per differenziarsi dalla linea più diritta da wagon della Clubman che avrà comunque le due classiche, immancabili portine.

ALZA IL VOLUME Operazione riuscita nello stile e, con 16 centimetri in più, la Mini 5 porte diventa più pratica e funzionale. Due porte in più sono comode e indispensabili se sui sedili posteriori si desidera montare due sedili per i bambini. Ma anche soltanto per appoggiare una borsa senza contorsionismi. I cinque centimetri in più per le ginocchia di chi siede dietro sono tanti ma si sommano ai pochi della Mini 3 porte e il risultato è abitabile ma sempre Mini style. Il bagagliaio aumenta il volume di 67 litri fino a 278 litri, quasi un raddoppio (+110 litri) rispetto alla prima Mini a 3 porte.

UN COLPO AL CERCHIO Lo stile dell’interno della Mini 5 porte è identico a quello della sorella con due porte in meno. Sempre più BMW nella qualità dei materiali ma eccellente evoluzione dello stile Mini, fatto di elementi circolari, a partire dal grande tondo centrale ereditato dalla Mini by Issigonis, fino agli strumenti davanti al pilota, alle bocchette di ventilazione, alle maniglie e anche ai pannelli delle portiere con il cerchio/ellisse che si divide e si raccorda tra portiere anteriori e posteriori. Il tasto Start sta al centro della fila di levette sulla consolle centrale.

VEDI ANCHE



INFOTAINMENT L’anellone tondo al centro della plancia ora si illumina per evidenziare lo stato dell’auto, dal verde per segnalare l’attivazione dello Start&Stop al rosso quando vi avvicinate troppo a un ostacolo in un posteggio, con uno schermo TFT a quattro righe di serie fino al display da 8,8” con pomellone MINI Controller sul tunnel. Il sistema di infotainment offre diverse opzioni da due sistemi di navigazione e di MINI Connected, al MINI Visual Boost con schermo da 6,5”, la possibilità di interfacciarsi al proprio telefonon Android o iPhone, di seguire i social e di programmare un viaggio e di essere assistiti per tutta la sua durata. Oltre alle chiamate di emergenza e al Teleservices, il collegamento automatico in remoto di Mini per comunicare al concessionario il suo stato di salute. Mini 5 porte eredita tutta la tecnologia BMW dall’infotainment ai fari LED adattivi all’head-up display.

MILLECINQUE IN SU Come tutte le nuove Mini (e le nuove BMW taglia S e M) anche la Mini 5 porte nasconde sotto il cofano i nuovi motori 3 e 4 cilindri, benzina e diesel, con tecnologia TwinPower turbo, della nuova famiglia di motori modulari, costruiti su un modulo di 500cc. Così la gamma parte da due tre cilindri 1500 da 102 cavalli a benzina di MINI One e 95 a gasolio di Mini One D, prosegue con le versioni Cooper da 136 cavalli a benzina e 116 a gasolio e finisce con due quattro cilindri duemila da 192 cavalli di Cooper S e da170 cavalli di Cooper SD. Tutti abbinati a cambi a sei marce, manuale di serie o automatico optional (1.750 euro, 1.900 con palette al volante per Cooper S e SD).

800 EURO Le Mini 5 porte sono sei, non si sbaglia, una per ogni motore. A parte due allestimenti, Business e Business XL legati ai motori a gasolio e pensati per le flotte aziendali, non esistono altri allestimenti per ogni motore ma questo non significa le MINI siano tutte uguali. Mettendo insieme la lista degli optional, dei cerchi e dei colori con quella dei pacchetti di personalizzazione si arriva a un numero quasi infinito di combinazioni (lo trovate qui in basso in formato PDF da scaricare aggiornato al momento del lancio). I prezzi della Mini 5 porte partono dai 19.100 euro di una Mini 5 porte benzina ai 29.400 euro per la Cooper SD Business XL. Per una Mini 5 porte Cooper D si spendono 22.750 euro. Le due porte in più costano 800 euro.

COME VA Avrei davvero gridato allo scandalo se la prima Mini della nuova generazione si fosse presentata con cinque porte. Ora la trovo un’alternativa equilibrata e piacevole nello stile oltre che una scelta intelligente e pratica. Se la Mini Countryman vi sembra troppo bold nel suo stile da Minona ma avete bisogno di cinque porte, ora Mini 5 porte è l’alternativa giusta. Gli ingombri rimangono contenuti e, oltre alla praticità delle cinque porte, c’è anche un poco di spazio in più per amici, famiglia e bagagli.

SPAZIO RELATIVO Più spazio per una Mini, ma alcune quattro metri all’interno riescono a offrire più spazio. E altre anche meno. Lo spazio offerto da Mini 5 porte per chi siede dietro non è da limo e lo spazio per le gambe, e per i piedi, non consente grandi libertà se chi siede davanti non si raccoglie verso il volante. Per dare una idea, con il mio uno e settantotto alla guida la mia borsa (un poco voluminosa, ok) è rimasta incastrata tra lo schienale del sedile di guida e la seduta posteriore. Inutile dire che il posto centrale posteriore è per bambini o di emergenza.

SOLLEVATI Al volante la Mini 5 porte è sempre più BMW, nei materiali e nella impostazione di guida, con regolazioni ampie del volante (altezza e profondità) e del sedile che consentono di adattare ben il posto di guida al proprio stile. Rispetto alle prime Mini della nuova generazione il sedile è meno attaccato al pavimento per una posizione di guida più alta ma sempre sportiva (e più spazio per i piedi di chi siede dietro). Le taglie XL trovano il sedile alla lunga un po’ MINImal.

AMMORBIDITA Sempre più BMW è anche la guida. Le reazioni da kart della prima Mini della nuova generazione sono solo un ricordo. La nuova Mini ha perso quelle reazioni secche e nervose per diventare, di generazione in generazione, più morbida, equilibrata e prevedibile. Con un passo più lungo la Mini 5 porte esalta le caratteristiche del telaio della nuova Mini. Eliminate le reazioni nervose, divertenti ma impegnative e difficili da prevedere per i piloti meno esperti, non significa che la Mini 5 porte si è imbolsita e imborghesita. La guida rimane divertente e veloce anche su strade piene di curve grazie a dimensioni contenute, sterzo preciso e un telaio affidabile e che non tradisce mai. Soltanto i freni non mi soddisfano appieno, con un pedale un poco gommoso che trasmette sensazioni troppo filtrate.

SILENCE, PLEASE Meno reazioni nervose significa anche maggiore comfort. Anche l’assetto della Cooper S non ha nulla a che vedere con la rigidità delle prime (e seconde) Cooper S. È reattivo e preciso senza bisogno di avere ammortizzatori da pista per stare in strada. Se volete l’assetto su misura potete scegliere tra gli accessori il Dynamic Dumper Control per scegliere la taratura preferita. Il comfort della nuova Mini 5 porte però è fatto anche di silenzio aerodinamico e meccanico, non si sentono fruscii fastidiosi, il rotolamento delle gomme è ben isolato così come lo è la scocca.

COOPER S…OUND Anche i nuovi motori, ben bilanciati da contralberi di equilibratura (due per i tre cilindri e uno per i quattro cilindri), trasmettono poco rumore e pochissime vibrazioni anche nelle versioni diesel a tre cilindri. Soltanto la Cooper S fa sentire la sua voce quando si preme sul pedale destro con un rombo cupo anche se un poco sommesso. Il top della famiglia per prestazioni ha tanta potenza ma anche tanta coppia e fluidità quando non si cerca il da-casello-a-casello e si cercano piuttosto comfort, relax e consumi contenuti.

COOPER D…AJE! Oltre al motore più potente provo il motore di mezzo tra quelli a gasolio, quello della Cooper D. Eccellente, davvero un motore bomba. Un tre cilindri 1500 con consumi medi dichiarati nell’ordine dei 3,8 l/100km con il cambio automatico e di 4,3 l/100km nel ciclo urbano che spinge come un maledetto con i suoi 116 cavalli e 270 Nm tra 1.750 e 2.250 giri. La Mini 5 porte Cooper D accelera da 0 a 100 in 9,5 secondi fino a 202 km/h con i 180km/h che sulle autobahn tedesche possono tranquillamente essere considerati la sua velocità di crociera tenuta apparentemente senza troppa fatica. Provo il motore Cooper D abbinato al cambio manuale sei marce, veloce e facile nei cambi marcia. Con il cambio manuale il tre cilindri non può barare con l’aiutino dell’automatico, la spinta fluida a tutti i regimi è tutta farina del suo sacco. Se non dovete fare il tempo in pista, è il motore perfetto per la Mini 5 porte, non rimpiango la Cooper S da cui sono appena sceso…


Pubblicato da M.A. Corniche, 19/10/2014
Gallery
Listino Mini Mini 5 porte
Allestimento CV / Kw Prezzo
Mini 5 porte One 55 kW 75 / 55 21.400 €
Mini 5 porte One 102 / 75 22.400 €
Mini 5 porte One 55 kW Classic 75 / 55 24.200 €
Mini 5 porte Cooper 136 / 100 24.600 €
Mini 5 porte One Classic 102 / 75 25.400 €
Mini 5 porte Cooper Classic 136 / 100 27.600 €
Mini 5 porte One Yours 102 / 75 28.400 €
Mini 5 porte One JCW 102 / 75 28.400 €
Mini 5 porte Cooper S 178 / 131 28.700 €
Mini 5 porte Cooper Yours 136 / 100 30.600 €
Mini 5 porte Cooper JCW 136 / 100 30.600 €
Mini 5 porte Cooper S Classic 178 / 131 31.700 €
Mini 5 porte Cooper S Yours 178 / 131 35.200 €
Mini 5 porte Cooper S JCW 178 / 131 35.200 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Mini Mini 5 porte visita la pagina della scheda di listino.

Scheda, prezzi e dotazioni Mini Mini 5 porte
Tutte le prove auto del 2014
Logo MotorBox