Test Drive

Nissan Note 1.5 dCi


Avatar di Marco Rocca , il 10/08/14

7 anni fa - L'insostenibile leggerezza dell'essere

La Nissan Note fa della semplicità di utilizzo e dalla dotazione di sicurezza ai massimi livelli le sue doti principali. Il diesel 1.5 diesel da 90 cv fa il resto, tenedo bassi i consumi. 

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2014, composto da 100 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE AUTO DEL 2014 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

LA STORIA DEL BRUTTO ANATROCCOLO Ve la ricordate? Correva l’Anno Domini 2004 e la Nissan Note condivideva la piattaforma con la Renault Modus. Diciamoci la verità: più che bella era simpatica proprio come si dice a una ragazza quando Madre Natura non è stata troppo generosa con lei. Poi, con il tempo, la Note è cresciuta, ha tolto l’apparecchio per i denti e gli occhiali ed è diventata grande... Ora è più matura, sia dentro, sia fuori. Ok, non avrà la linea personale della Fiat 500L o l’appeal della Mini Countryman ma la Note costa molti soldini meno e offre una dotazione di sicurezza da prima della classe. Giusto per dirne un paio, c’è il sistema che avverte se una vettura si nasconde nell’angolo cieco degli specchietti o quello che avverte se si sta involontariamente superando la linea di corsia.

LA CONOSCI DA SEMPRE Nel vocabolario inglese c’è un termine che secondo me identifica al meglio la filosofia Note: “understatment”, che sta a indicare chi rifiuta di palesare il proprio status attraverso oggetti costosi o comunque appariscenti, tendendo a nascondere in modo sobrio e discreto la propria ricchezza. Sì, ma di quale ricchezza stiamo parlando direte voi? Beh, per esempio del fatto che la Nissan Note 1.5 dCi è un’auto facile, semplice da usare per tutti. Mi spiego meglio. Prendiamo il climatizzatore: non sarà bello da vedere (dalla forma tondeggiante come sulla Micra), ma è composto di pochi tasti e regolarne la temperatura è un gioco da ragazzi. Poi ci sono i fari che si accendono automaticamente all’imbrunire, così come i tergicristallo in caso di pioggia, i comandi per i finestrini sono sulle portiere e non sparsi da qualche parte chissà dove e lo schermo touchscreen al centro della plancia oltre a fare da navigatore veste i panni di poche altre funzioni (compresa quella - utilissima - di retrocamera in fase di manovra). In più c’è una strumentazione chiara e leggibile, con una bella illuminazione che non stanca di notte. Insomma, tutto risulta semplice. Le mie saranno anche ovvietà ma non capita spesso di salire su un’auto nuova e sapere già dove metter mano. Il discorso potrebbe continuare inoltre con la posizione di guida. D’accordo, non sarà sportiva e non avrà un contenimento laterale ottimale ma già il bracciolo centrale integrato al sedile è garanzia di comodità soprattutto nei lunghi viaggi, quando messa la quinta ci si lascia cullare dal cruise control. Quindi, per tornare al discorso dell’understatment, la Note riesce a celare tutte le comodità e le tante dotazioni di sicurezza nelle forme composte e poco appariscenti di una monovolume compatta per famiglie. Promossa!

VEDI ANCHE



2012 ODISSEA NELLO SPAZIO E, a proposito di viaggi, con la Nissan Note 1.5 dCi, mi è capitato anche di fare un week end a Roma in dolce compagnia della mia ragazza e… dei suoi bagagli: trolley, borse morbide, beauty e abiti appesi al gancio. La Nissan Note non ha fatto un plissé soprattutto in considerazione del fatto che sul sedile posteriore c’era una terza persona, che, a sua detta, ha viaggiato comodamente, permettendosi anche il lusso di accavallare le gambe senza toccare gli schienali anteriori. Trecentoventicinque litri non saranno in assoluto tantissimi per il bagagliaio ma sono sfruttabili fino all’ultimo millilitro, grazie alla forma regolare e squadrata. In più c’è la possibilità di far scorrere i sedili posteriori variando la capacità fino a 411 litri. Se lo spazio ancora non dovesse bastarvi, beh, sappiate che potete sfruttare 2.012 litri con i sedili posteriori ripiegati. Ma non finisce qui perché poi c’è la “Karakuri Board”, nome esotico a tratti esoterico, che individua il ripiano mobile che serve ad aumentare la versatilità del bagagliaio con un pratico pozzetto. Se per il bagagliaio sono tutte “rose e fiori”, altrettanto non posso dire per il posto di guida. Si sta comodi, intendiamoci, (anche se non è presente la regolazione in profondità dello sterzo) ma il fatto che manchino vani capaci di contenere oggetti più grandi di un mazzo di chiavi mi ha lasciato un po’ perplesso. La plancia è ben fatta ma non offre anfratti sicuri dove riporre telefono e compagnia bella se non nei due porta bicchieri davanti al cambio. In compenso le tasche laterali sono profonde così come i due cassetti davanti al passeggero… ma sono davanti al passeggero.

UN BELL’ANDARE Sotto il cofano la Nissan Note 1.5 dCi che ho in prova c'è il 1.500 diesel da 90 cv di origine Renault. Un motore che non ha più bisogno di presentazioni e che continua a impressionarmi ogni volta che lo provo. Morbido, molto fluido in tutte le marce e con spinta quasi sportiva in ogni rapporto. Non c’è proprio di che lamentarsi, soprattutto considerando che, a prova finita, il computer di bordo indicava solo 5,0 litri per 100 km. Fate un po’ voi i conti! L’unica cosa da segnalare è che purtroppo ci sono solo 5 marce e in autostrada mi è capitato più di una volta di cercare la sesta. In compenso, però, la silenziosità di marcia è stata particolarmente curata dai tecnici e a velocità Codice si riesce tranquillamente a chiacchierare con tutti gli occupanti. Qualche fruscio arriva solo dagli specchietti laterali ma nulla di grave. Insomma, la Nissan Note mi è piaciuta, nell’uso cittadino come in autostrada per un lungo viaggio. Le misure compatte permettono di parcheggiare con una certa facilità anche in spazi stretti (grazie alla telecamera posteriore come detto) e il sistema che sorveglia l’angolo cieco consente sorpassi sicuri. Come prima o seconda auto, la Nissan Note potrebbe essere la vostra fedele alleata nella vita di tutti i giorni 


Pubblicato da Marco Rocca, 10/08/2014
Gallery
Tutte le prove auto del 2014
Logo MotorBox