In pista con

MV Agusta F3 800 vs Ducati 899 Panigale


Avatar Redazionale , il 08/04/14

7 anni fa - Faccia a faccia a San Martino del Lago

Italiane, sportive e costose. E belle da morire. Sono la MV Agusta F3 800 e la Ducati 899 Panigale, due sportive medie che, grazie all’elettronica evoluta, calzano bene anche a chi non è un pilota. Lo abbiamo sperimentato sulla pista di San Martino del Lago

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE MOTO DEL 2014, composto da 83 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE MOTO DEL 2014 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SFIDA DA BAR Italiane, sportive, costose. E belle da morire. Sono la MV Agusta F3 800 e la Ducati 899 Panigale, due sportive di media cilindrata che, grazie alla magia dell’elettronica, calzano bene anche a chi non è un pilota. E, almeno a livello di scheda tecnica, hanno numeri simili: 148 cv, 2 cilindri per 182 chili la bolognese, 148 cv, 3 cilindri per 173 chili la varesina (entrambi i pesi in ordine di marcia). Il prezzo è, per entrambe, da top class: 15.900 euro la Panigale (completa di tutto il pacchetto elettronico) e 15.310 la F3 con pacchetto EAS (cambio elettronico) e ABS. Ma non è solo questo: le sportive di questa categoria, da sempre, sono la soluzione alle notti insonni di più di uno smanettone. Perché hanno più motore delle seicentine, spesso difficili da portare al limite in pista per quanto chiedono di scorrere in curva, ma nemmeno hanno gli ormoni di una millona moderna, con tutta la loro cavalleria.

DUE PER TUTTI… O QUASI Ecco perché la MV Agusta F3 800 e la Ducati 899 Panigale vanno bene anche per chi non è proprio un pilotone da mondiale: perché sono potenti e affilate, certo, ma anche guidabili da due normali utenti. Come per esempio Riccardo Pozzoli (nelle foto, casco bianco e tuta bianca), grande appassionato di moto e ormai spostato sul genere cafè racer ma con un trascorso sportivo, e Andrea Lorini (nelle foto, casco azzurro/bianco e tuta rossa), appassionato anche lui ma che viene dal mondo dell’enduro. Quindi la sfida è servita: quattro piloti di cui due tester ufficiali, il sottoscritto e il buon Andrea Schiavina, e i due outsider Pozzoli e Lorini. Due moto, quattro piloti, quattro modi diversi di guidare. Tutto nella pista di Cremona, San Martino del Lago, teatro perfetto per la comparativa. Ma chi ha preferito quale? Navigate nello speciale per scoprirlo…

IN QUESTO SERVIZIO

VEDI ANCHE



Tute ARLEN NESS LS1

Guanti ARLEN NESS PRO

Stivali TCX RS2 EVO

Caschi HJC RPHA10 PLUS FURIA MC1, HJC RPHA10 PLUS EPIC MC-2, NEXX XR2 CARBON PURE, SHARK RACE-R PRO


Pubblicato da Alessandro Codognesi, Andrea Schiavina, Riccardo Pozzoli, Andrea Lorini, foto di Leonardo Iannelli, 08/04/2014
Gallery
Tutte le prove moto del 2014
Logo MotorBox