Pubblicato il 19/04/21

IL GP EMILIA ROMAGNA ALLA MOVIOLA La Formula 1 torna in pista nel weekend di Imola per il secondo appuntamento di una stagione che si conferma caldissima. E se nella prima tappa in Bahrain gli episodi da moviola si contavano sulle dita di una mano (pur con la polemica sul sorpasso decisivo di Verstappen a Hamilton), la pioggia abbattutasi sull’Autodromo Enzo e Dino Ferrari ci regala una gara ricca di colpi di scena e di situazioni da analizzare. Ecco la nostra consueta analisi Var del lunedì, che mette nella lente d’ingrandimento le scelte dei commissari, stavolta capitanati da “Mr. Le Mans”, Tom Kristensen.

PL1, incidente tra Perez e Ocon: nessuna azione

Il primo episodio del fine settimana imolese è quello relativo all’incidente di Esteban Ocon e Sergio Perez nel corso delle prove libere 1. Il pilota francese si trova nel corso di un giro lento mentre alle sue spalle sopraggiunge, lanciato, il messicano di casa Red Bull. Esteban rallenta ulteriormente in ingresso della chicane Villeneuve ma evidentemente i due non si capiscono e c’è il contatto tra l’anteriore destra dell’Alpine e la posteriore sinistra della RB16B. Giusta, comunque la scelta di non sanzionare nessuno dei due piloti considerando che Ocon non era stato avvertito della presenza di Perez alle sue spalle a causa del malfunzionamento delle radio in seguito al blackout internet che ha condizionato la sessione, e che Sergio a sua volta ha probabilmente calcolato male gli spazi chiudendo troppo la traiettoria.

PL3, Gasly sorpassa Giovinazzi in regime di bandiera rossa: nessuna azione

Siamo nel corso della terza e ultima ora di prove libere del weekend quando Pierre Gasly si trova lanciato a gran velocità in uscita dal Tamburello sorpassando l’Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi, che procede molto lento e fuori traiettoria in un giro di raffreddamento. Tutto normale, se solo non fosse che nel frattempo Nicholas Latifi si era insabbiato alla chicane Villeneuve costringendo la Direzione gara a esporre la bandiera rossa. Giusto, comunque, non sanzionare per il sorpasso visto che Pierre era stato avvisato dell’incidente di Latifi e della conseguente sospensione proprio un attimo prima di superare l’Alfa di Giovinazzi. Da notare poi che il francese ha comunque rallentato in maniera sicura adottando tutte le cautele del caso.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: Gasly (AlphaTauri) sorpassa Giovinazzi (Alfa Romeo) in bandiera rossa

Gara, i meccanici di Vettel si attardano a lavorare in griglia: 10 secondi di Stop&Go

Altra giornata molto sfortunata per Sebastian Vettel, costretto a partire dalla pit-lane a causa di un problema al sistema brake-by-wire non sistemato in tempo. Oltre al danno la beffa: per regolamento, le gomme devono essere correttamente montate in auto prima del segnale dei cinque minuti alla partenza e, visto che i meccanici dell’Aston Martin erano ancora al lavoro sulla posteriore destra, il tedesco è stato chiamato dunque a scontare anche uno Stop&Go di dieci secondi nel corso della gara. Una penalità molto severa ma in linea con quanto appositamente previsto dal regolamento in questo caso. Fa però storcere il naso la scarsa reattività dei commissari, che hanno comunicato la penalizzazione a Vettel solo dopo 22 giri di gara, quasi a tre quarti dall’avvenuta infrazione.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: Vettel (Aston Martin) spinto in pitlane dalla griglia di partenza

Gara, incidente tra Latifi e Mazepin: nessuna investigazione

Nel corso del primo giro di gara, Nicholas Latifi finisce largo alle Acque Minerali e, nella concitazione del momento, rientra in pista tagliando la strada a Nikita Mazepin, che niente può fare per evitare il contatto. Il risultato è che la Williams numero 6 viene spedita con violenza contro le barriere prima della Variante Alta, mentre la Haas del pilota russo prosegue senza danni: un chiaro errore di guida che, a nostro avviso, meritava maggiore attenzione e persino una penalità per il canadese. C’è da dire che Latifi è stato comunque l’unico a pagare le conseguenze per l’errore senza creare problemi alla monoposto di Mazepin e che, nelle concitate fasi di partenza, comunque i giudici di gara tendono a essere un po’ più permissivi.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: il contatto tra Mazepin (Haas) e Latifi (Williams)

Gara, Perez sorpassa Ricciardo e Gasly in regime di Safety Car: 10 secondi di penalità.

Dopo l’incidente di Latifi, la Direzione gara manda in pista la Safety Car. Mentre le monoposto sono incolonnate dietro all’auto di sicurezza, Sergio Perez perde il controllo della sua Red Bull alla Piratella, finendo sulla ghiaia: Daniel Ricciardo e Pierre Gasly lo sorpassano come permesso dal regolamento, ma subito dopo il messicano si riprende la posizione. Una manovra, questa, non ammessa in regime di Safety Car, con detriti e potenzialmente anche marshal in pista. Giusta dunque la penalità all’indirizzo di Checo, costretto a restare fermo per 10 secondi ai box in occasione della sua sosta. Decurtati anche due punti sulla Superlicenza Fia dell’ex pilota della Racing Point.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: Perez (Red Bull) sorpassa Ricciardo (McLaren) sotto Safety Car

Gara, Stroll sorpassa Gasly in modo illecito: 5 secondi di penalità

Siamo nel corso del giro 11 quando Pierre Gasly inizia a faticare molto con le sue gomme da bagnato estremo. Scavalcato da Norris e Sainz in pochi chilometri dopo la ripartenza da Safety Car, arriva anche il turno del sorpasso di Lance Stroll. Il canadese arriva però lungo alla staccata del Tamburello e finisce per tagliare la curva senza restituire la posizione: giusta la sanzione ai danni del pilota Aston Martin, penalizzato con cinque secondi di penalità (in gara cede dunque la posizione proprio a Gasly) e con un punto sul patentino.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: Stroll (Aston Martin) taglia la pista e sorpassa Gasly (AlphaTauri)

Gara, incidente tra Bottas e Russell: nessuna azione

Il momento più spettacolare del fine settimana è sicuramente quello dell’incidente tra George Russell e Valtteri Bottas nella staccata verso il Tamburello. Un botto di certo molto pericoloso, in seguito al quale non è mancata neppure la tensione tra i due piloti di casa Mercedes. Dal punto di vista regolamentare è però corretto derubricare l’incidente come mero contatto di gara, senza addossare la responsabilità a nessuno dei due: il finlandese lascia spazio all’esterno, ma il giovane pretendente al suo sedile tocca comunque l’erba con le ruote di destra perdendo il controllo della Williams. Più un errore di Russell che non di Bottas, ma riteniamo che non ci siano gli estremi per una penalità all’indirizzo dell’inglese.

Gara, Tsunoda infrange i limiti della pista: 5 secondi di penalità

Weekend assolutamente da dimenticare per Yuki Tsunoda che, dopo aver seriamente impressionato in positivo al debutto a Sakhir, incappa nel classico fine settimana storto. All’indomani del brutto incidente in Q1 alla Variante Alta e alla conseguente penalizzazione in griglia (ininfluente, visto che partiva comunque dal fondo) per sostituzione delle componenti power unit, il giapponese è stato anche sanzionato in gara per aver ecceduto per più di tre volte i limit della pista in curva-9. Oltre alla sanzione in tempo, il pilota di casa AlphaTauri ha anche perso 1 punticino sulla Superlicenza Fia.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: Yuki Tsunoda (Scuderia AlphaTauri) in testacoda

Gara, Raikkonen sbaglia la ripartenza: Stop & Go 10 secondi commutato in 30 secondi di penalità

Ultimo episodio di un weekend lunghissimo è quello che vede protagonista Kimi Raikkonen, sanzionato dalla Direzione Gara con uno Stop & Go di 10 secondi, poi commutato a fine gara in una penalità di 30 secondi sul tempo finale. Al di là del ritardo della decisione (arrivata tre ore dopo la bandiera a scacchi), la scelta fa seguito all’analisi di quanto accaduto in ripartenza dopo la bandiera rossa: Iceman, finito in testacoda al tamburello, non ha poi recuperato la posizione su specifica indicazione del muretto, che ha chiesto al finlandese di mantenere la track position. Il regolamento però impone di comportarsi diversamente: è possibile riprendere la posizione originaria purché ciò avvenga prima della Safety Car Line 1 (solitamente posizionata prima dell’ingresso pit-lane), ma se non si riesce a recuperare, allora è necessario entrare ai box e partire dalla pit-lane. Cosa che, evidentemente, Raikkonen non ha fatto costringendo i commissari a infliggergli questa penalità molto severa (imposta automaticamente dal regolamento) che ha estromesso il pilota Alfa Romeo dalla zona punti.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: il testacoda di Raikkonen (Alfa Romeo) in fase di ripartenza


TAGS: formula 1 imola f1 moviola f1 2021 Var GP Emilia Romagna ImolaGP 2021