Pubblicato il 16/04/21

INCONVENIENTE TECNOLOGICO È stato un venerdì decisamente movimentato quello del GP Emilia Romagna. Le due sessioni di prove libere sono state contraddistinte da numerose uscite di pista e da qualche incidente, ma un altro problema di natura tecnica ha reso ancora più particolare l'esperienza di team e piloti. Tutto è accaduto in mattinata, poco prima dell'avvio delle PL1: un guasto alla linea della fibra ottica di Imola ha causato l'interruzione della trasmissione dati, un problema che ha avuto un forte impatto sia sulle comunicazioni radio tra muretto e pilota sia sulla copertura televisiva.

SALTO INDIETRO NEL TEMPO In questo caso, il sistema dati della F1 è passato a una modalità che possiamo definire ''di ripristino'', consentendo la trasmissione delle operazioni di base tramite un collegamento satellitare. Questo ha però comportato un salto nel passato per il Circus: niente telemetria in tempo reale, niente telecamere onboard e niente comunicazioni via radio al pilota in pista per buona parte della sessione. Proprio il mancato scambio di informazioni con gli ingegneri è alla base dell'incompresione che ha portato Sergio Perez ed Esteban Ocon a scontrarsi in pista, un incidente di cui peraltro non esistono immagini nitide proprio a causa delle interruzioni legate al guasto alla fibra. Il problema è stato poi risolto durante la pausa pranzo e le PL2 si sono svolte senza ulteriori complicazioni.

LE REAZIONI I team principal delle scuderie hanno spiegato durante la conferenza del venerdì pomeriggio le complicazioni legate a questa situazione d'emergenza. Il numero 1 della Ferrari, Mattia Binotto, ha dichiarato: ''Sicuramente è stato un grosso problema. Non so se tutte le squadre abbiano avuto esattamente gli stessi problemi. Per noi è stato molto difficile, soprattutto con Leclerc, non avevamo modo di comunicare. È complesso perché non puoi dare informazioni sulle vetture che seguono, quindi possono esserci situazioni di ostacolamento involontarie, è molto difficile per i piloti sapere chi arriva dietro''. Otmar Szafnauer, team principal dell'Aston Martin, ha aggiunto: ''Finché non perdi questo tipo di dati, non credo che ci si renda conto di quanto ci facciamo affidamento. Era come se fossimo ciechi al muretto dei box. Anche la comunicazione con il pilota non funzionava. Ha reso le cose molto più difficili''. Frederic Vasseur, boss dell'Alfa Romeo, ha invece minimizzato l'impatto del problema: ''L'esperienza è stata un po' strana, perché non avevamo i tempi sul giro, ma almeno avevamo i dati per la sicurezza. È durato solo per il primo stint fino a metà sessione, quindi per me va bene, non è stato un dramma. Ne abbiamo discusso dopo la sessione, perché i piloti si lamentavano della radio, ma 20 anni fa i ragazzi potevano guidare senza radio!''.


TAGS: f1 ImolaGP 2021 fibra ottica