Pubblicato il 19/04/21

L’ESITAZIONE La ripartenza della gara di Imola dopo la bandiera rossa causata dallo schianto di George Russell e Valtteri Bottas è stata di sicuro uno dei momenti decisivi per la composizione del podio del Gp di Emilia Romagna. Max Verstappen ha perso per un attimo il controllo della sua Red Bull, cogliendo di sorpresa un Charles Leclerc che ha poi dichiarato di aver pensato all’opportunità di schiacciare sul pedale dell’acceleratore per prendersi la prima posizione in vista del restart, scegliendo però di non farlo. Un’esitazione decisiva che ha favorito Lando Norris, in grado di sorprendere subito al via il monegasco della Ferrari prendendo la track position poi mantenuta fino alla bandiera a scacchi.

F1, GP Emilia Romagna 2021: Max Verstappen esce di pista alla Rivazza

SENZA RADIO Dall’analisi dei team radio di fine gara emerge però un particolare ulteriore. Se è vero che Charles, a norma di regolamento, avrebbe potuto scavalcare Max – da accertare però che questi avesse tutte e quattro le ruote fuori pista, un po’ come accaduto a Ricciardo e Gasly in occasione dell’escursione in ghiaia di Perez in regime di Safety Car – la sua indecisione è anche legata al fatto che il pilota Ferrari non era ancora a conoscenza delle modalità di ripartenza a causa di un malfunzionamento della radio. Fino a pochi istanti prima della riapertura della pit-lane e del giro di formazione dietro la Safety Car, in molti pensavano che ci sarebbe stato un nuovo via da fermi, prima che la Direzione gara avvisasse i team di una ripartenza lanciata dietro l’auto di sicurezza.

F1 GP Emilia Romagna 2021, Imola: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari)

PARLA BINOTTO Leclerc, dunque, non solo era dubbioso sulla possibilità di scavalcare Verstappen ma, ritenendo che la partenza fosse da fermi, non ha rischiato una manovra che sarebbe stata inutile e pericolosa, visto che poi avrebbe comunque dovuto prendere la seconda piazzola in griglia. A confermare questa tesi anche il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, intervenuto dopo la bandiera a scacchi ai microfoni di Sky Sport F1: “A Charles mancava la radio, non riuscivamo a comunicare con lui e non sapeva neanche che sarebbe stata una partenza lanciata e non da fermi. Se n’è accorto mentre andavano, situazioni che complicano la vita a un pilota”.

IL VIDEO Dal video pubblicato su YouTube dal canale F1Fun4u si nota proprio la difficoltà comunicativa tra Leclerc e il suo ingegnere di pista Xavier Marcos. Charles, fermo in pit-lane durante la sospensione della gara, più volte avverte il muretto che ci sono delle interferenze che non gli permettono di ricevere alcuna informazione dai box. Problema evidentemente non risolto in tempo per la ripartenza, con Charles che, appunto, non era a conoscenza della modalità di restart fino a quando Verstappen non ha schiacciato sul piede dell’acceleratore in uscita dalla Rivazza. Difficile, comunque, considerando l’alto carico aerodinamico scelto dalla Rossa per migliorare il bilanciamento con pista umida, che il risultato sarebbe cambiato: Norris era molto più veloce sul dritto ed è probabile che sarebbe riuscito a sopravanzare la Ferrari in pista. Anche senza l’esitazione di Leclerc in fase di ripartenza.


TAGS: formula 1 imola f1 scuderia ferrari Charles Leclerc mattia binotto f1 2021 GP Emilia Romagna ImolaGP 2021