Pubblicato il 18/04/21

PAURA A META' GARA Il Gran Premio dell'Emilia Romagna è stato reso ancora più emozionante dalla pioggia caduta pochi minuti prima del via. In mezzo a tanta azione, clamoroso è quello che è avvenuto a circa metà gara, nel corso del 33esimo dei 66 giri in programma: mentre Lewis Hamilton stava faticosamente uscendo dalla sabbia della via di fuga della Tosa, nel tratto che porta al Tamburello è avvenuto uno spaventoso incidente tra la Mercedes di Valtteri Bottas e la Williams di George Russell, in lotta per la posizione.

SCHIANTO E SCHIAFFO L'inglese, mentre cercava di superare il finlandese alla sua destra, ha toccato l'erba e ha perso il controllo della sua Williams, finendo per sbattere contro la monoposto del rivale. I due sono usciti di pista ad alta velocità, picchiando contro le barriere. Il botto maggiore è stato per Bottas, rimasto intontito all'interno della sua Mercedes. Ed è qui che Russell, convinto di aver perso il controllo della macchina per via della leggera manovra di difesa del finlandese, è andato a tirare uno schiaffo (leggero) sul casco del rivale. Comunque un brutto gesto, considerando che Bottas - il quale ha reagito mostrando il dito medio - poteva anche avere dei traumi.

GUERRA PER UN SEDILE La gara è stata sospesa con la bandiera rossa, per permettere ai commissari di pista di rimuovere le vetture incidentate e i rottami in pista. Bottas e Russell avranno tempo di chiarirsi: probabilmente nel loro duello ha pesato anche il fatto che in gioco ci sia il sedile della Mercedes nella prossima stagione. A proposito del team campione del mondo, questo incidente ha paradossalmente facilitato la vita a Hamilton che durante la sospensione ha potuto cambiare gomme e ala danneggiata, riprendendo la gara dall'ottava posizione e concludendo poi al secondo posto.

LE REAZIONI Davanti ai microfoni, Bottas ha poi puntato il dito contro l'avversario: ''Dai replay che ho visto, ho sempre lasciato spazio per due macchine, ma lui ha perso il controllo e mi ha colpito. Quando è venuto da me non so di cosa stesse parlando, perché era chiaramente un suo errore. Quindi non ero felice, ma è andata così''. Russell ha affidato a Twitter i suoi primi pensieri: ''Grazie dei messaggi. Sto bene, sono solo deluso. Alla fine è stato uno sfortunato incidente. Hai diritto a difendere la tua posizione, ma a 330 km/h devi rispettare la velocità e le condizioni in cui lo fai. Affranto per la squadra, meritavano di più oggi''. L'inglese si è poi presentato davanti ai giornalisti, svelando cosa ha detto a Bottas subito dopo l'incidente: ''Ho chiesto se stava cercando di ucciderci entrambi. È stupido, sai che è bagnato e che sto andando a 340 km/h e ora stai cercando di ucciderci entrambi''. I due non si sono ancora parlati direttamente, ma lo faranno davanti agli steward che li hanno convocati per chiarire l'episodio.


TAGS: incidente f1 bottas Russell ImolaGP 2021