MILLE DI QUESTI GIORNI La gara numero 1000 della storia della Formula 1 si avvi...Cina! Da domani il paddock del Circuito Internazionale di Shanghai si popolerà e comincerà il conto alla rovescia verso il GP della Cina di domenica, il primo di sempre a quadrupla cifra. Vi si arriva a quasi 69 anni di distanza da quel 13 maggio 1950 in cui a Silverstone tutto iniziò con il successo di Nino Farina sull'Alfa Romeo.

TABÙ Da allora, a ciascun giro di boa, ogni qual volta cioè che la Formula 1 ha festeggiato un GP con cifra tonda (il numero 100, 200, 300...), la Ferrari non ha mai vinto. Eppure parliamo della scuderia che ha trionfato in più gare nella categoria, ben 235, davanti alla McLaren (182), alla Williams (114) e alla Mercedes (89). Le prime stagioni del mondiale di Formula 1 vivevano sulla lunghezza di minimo 7 e massimo 10 GP l'anno, quindi occorsero ben 11 anni prima di arrivare a Nurburgring, nel 1961, per il GP numero 100, che il britannico Stirling Moss (il "Re senza corona" con le sue 16 affermazioni è il pilota ad aver vinto più gare senza mai conquistare un titolo) vinse con la sua Lotus.

ALBO D'ORO Da allora, ogni qual volta che il doppio zero ha griffato una gara di Formula 1, la Ferrari non è mai riuscita ad affermarsi. Nel 1971 a Monte Carlo fu Jackie Stewart a imporsi, con la Tyrrell, e cento gare dopo, nel 1978, Ronnie Peterson trionfò a Kyalami con la Lotus. Nel 1984 un ex ferrarista, Niki Lauda, si aggiudicò la gara n. 400 in casa, a Spielberg, con la McLaren, e nel 1990 Nelson Piquet con la Benetton beffò nel GP d'Australia ad Adelaide, i due ferraristi Mansell e Prost, per portare a casa il successo n.500.

ALBO D'ORO/2 L'assenza di successi in rosso prosegue con il GP n.600, nel 1997 in Argentina, dove Jacques Villeneuve con la Williams precedette il ferrarista Eddie Irvine, e con il n.700 nel 2003 in Brasile, dove una gara folle sotto la pioggia regalò il successo a tavolino, con due giorni di ritardo, a Giancarlo Fisichella con la Jordan. Il GP n. 800 fu invece uno dei peggiori della storia per la Ferrari, a Singapore nel 2008, con Felipe Massa che poteva mettere in cassaforte il titolo e invece ripartì dal rifornimento con il bocchettone della benzina ancora attaccato alla sua Ferrari. Fu la gara del "crashgate", con Piquet fatto schiantare apposta dalla Renault per propiziare il successo di Fernando Alonso. Nel 900° GP, infine, in scena in Bahrain nel 2014, si è imposto Lewis Hamilton con la Mercedes.

TERZO ZERO E così in Cina questa domenica Sebastian Vettel e Charles Leclerc dovranno sfidare anche la cabala negativa, oltre a rivali fortissimi come i piloti di Mercedes e Red Bull. Chissà invece che il terzo zero non porti fortuna alla Ferrari, che ha già fatto il pieno di sfiga nello scorso GP del Bahrain, e che non serva magari per spezzare il sortilegio. Non ci resta che aspettare qualche giorno, quando si conoscerà il nome del vincitore di un GP che, in un modo o nell'altro, è già nella storia della Formula 1.

GP N° Data e Luogo Vincitore Risultato Ferrari
1 1950 Silverstone Farina (Alfa Romeo) Non partecipa
100 1961 Nurburgring Moss (Lotus) 2° Von Trips, 3° P.Hill
200 1971 Monte Carlo Stewart (Tyrrell) 3° Ickx, RIT Regazzoni
300 1978 Kyalami Peterson (Lotus) RIT G. Villeneuve e Reutemann
400 1984 Spielberg Lauda (McLaren) 3° Alboreto, 7° Arnoux
500 1990 Adelaide Piquet (Benetton) 2° Mansell, 3° Prost
600 1997 Buenos Aires J. Villeneuve (Williams) 2° Irvine, RIT M. Schumacher
700 2003 Interlagos Fisichella (Jordan) RIT M. Schumacher e Barrichello
800 2008 Singapore Alonso (Renault) RIT Massa e Raikkonen
900 2014 Sakhir Hamilton (Mercedes) 9° Alonso, 10° Raikkonen

TAGS: ferrari shanghai formula 1 cina vettel leclerc f1 2019 ChineseGP 2019 GP Cina 2019 Race1000