F1 2017 | GP USA, qualifiche: Lewis Hamilton centra la 72° pole di carriera davanti a Vettel
F1 2017

F1 2017 | GP USA, qualifiche: Lewis Hamilton centra la 72° pole di carriera davanti a Vettel


Avatar Redazionale , il 22/10/17

3 anni fa - Il britannico della Mercedes ha firmato il nuovo record di Austin in 1'33''108

Lewis Hamilton non ha fatto sconti sul circuito di Austin, firmando il nuovo record della pista statunitense e beffando il rivale Vettel, che scatterà domani al suo fianco

Benvenuto nello Speciale F1 2017 GP STATI UNITI, composto da 15 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario F1 2017 GP STATI UNITI qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

SEMPLICEMENTE PERFETTO Non c'è stata storia: Lewis Hamilton è il migliore interprete del Circuit of The Americas. Lo ha dimostrato fin dall'inizio del weekend, piazzando la sua Mercedes costantemente davanti a tutti e regolando i conti con l'intera griglia di partenza. Un atteggiamento che ha portato avanti anche oggi in qualifica, in cui ha dato il meglio di se stesso fino a centrare la 72esima pole position di carriera. Il suo tempo? Un eccezionale 1'33''108, che gli è valsa la 117esima partenza dalla prima fila, un nuovo record con il quale ha superato il precedente primato del grande Michael Schumacher.

LA SFIDA CONTINUA Contro di lui non ha potuto nulla Sebastian Vettel, capace di migliorare costantemente le sue prestazioni dopo che i tecnici in Rosso hanno sostituito fondale e trasmissione in seguito all'uscita di pista di ieri durante le FP2. Il suo miglior crono, però, non è stato sufficiente per insidiare il suo diretto rivale in classifica, dal momento che ha pagato ben 239 millesimi una volta giunto sotto la linea del traguardo. In ogni caso, però, la forza di volontà di Seb gli ha permesso di raggiungere la prima fila: un risultato importante grazie al quale, domani, la sua lotta per il Mondiale potrà continuare.

VEDI ANCHE



BOTTAS IN SECONDA FILA Aprirà, invece, la seconda fila il finlandese della Mercedes, un Valtteri Bottas che ha pagato ben 460 millesimi dal miglior tempo del compagno di squadra ma che è stato in grado di precedere la strana coppia RicciardoRaikkonen, autori del medesimo tempo ma con l'australiano premiato con una posizione migliore in griglia di partenza. In questo modo Iceman prenderà il via dalla terza fila, affiancato idealmente dalla seconda Red Bull di Max Verstappen, ultimo pilota a limitare al massimo il distacco dalla vetta alla luce dei suoi 550 millesimi di svantaggio ma costretto a partire dalla retrovie per la sostituzione della power unit Tag Heuer by Renault durante le FP3. 

DISTACCHI PESANTI Il “migliore degli altri”, di conseguenza, è stato Esteban Ocon, che con la sua Force India non è stato tuttavia capace di fare meglio di un 1'34''647, con il quale ha pagato ben oltre un secondo e mezzo rispetto al sensazionale record di Hamilton. Nonostante tutto, però, il francese del team indiano si è messo dietro la migliore delle Renault di Carlos Sainz Jr, così come la McLaren-Honda di Fernando Alonso e la VJM10 gemella di Sergio Perez, che ha così chiuso la top ten assieme alla Williams di Felipe Massa.

FUORI DALLA TOP TEN Non sono riusciti a superare la tagliola della Q2 diversi piloti dai quali ci si aspettava decisamente di più, primo tra tutti Daniil Kvyat, solamente 11esimo davanti agli arrembanti Romain Grosjean e Lance Stroll, oltre al belga Stoffel Vandoorne, che in questa occasione ha perso la sfida in casa con il compagno di squadra Alonso. Male anche Nico Hulkenberg, che ha addirittura rinunciato a prendere parte alla seconda sessione di qualifica per via della penalità che lo costringerà a partire dall'ultima fila, a fianco dell'esordiente Brendon Hartley, bravo a non sbagliare nulla ma non abbastanza per trovare il guizzo vincente al fine di superare l'ostacolo della Q1. In ogni caso il neozelandese della Toro Rosso scatterà ultimo, per via della sostituzione della power unit avvenuta all'inizio del weekend.

GRIGLIA DI PARTENZA Questa la griglia di partenza che vedremo domani in occasione del GP degli Stati Uniti, che prenderà il via sul Circuit of The Americas.

PILOTA TEAM TEMPO GAP
1. Lewis Hamilton Mercedes 1'33''108  
2. Sebastian Vettel Ferrari 1'33''347 +0.239
3. Valtteri Bottas Mercedes 1'33''568 +0.460
4. Daniel Ricciardo Red Bull Racing 1'33''577 +0.469
5. Kimi Raikkonen Ferrari 1'33''577 +0.469
6. Esteban Ocon Force India 1'34''647 +1.539
7. Carlos Sainz Jr Renault 1'34''852 +1.744
8. Fernando Alonso McLaren-Honda 1'35''007 +1.899
9. Sergio Perez Force India 1'35''148 +2.040
10. Felipe Massa Williams 1'35''155 +2.047
11. Daniil Kvyat Toro Rosso 1'35''529 +2.421
12. Romain Grosjean HAAS 1'35''870 +2.762
13. Marcus Ericsson Sauber 1'36''842 +3.734
14. Lance Stroll Williams 1'36''868 +3.760
15. Stoffel Vandoorne (P) McLaren-Honda 1'35''641 +2.533
16. Pascal Wehrlein Sauber 1'37''179 +4.071
17. Kevin Magnussen HAAS 1'37''394 +4.286
18. Max Verstappen (P) Red Bull Racing 1'33''658 +0.550
19. Nico Hulkenberg (P) Renault    
20. Brendon Hartley (P) Toro Rosso 1'36''889 +3.781

Pubblicato da Giulio Scrinzi, 22/10/2017
Gallery
f1 2017 gp stati uniti
Logo MotorBox