Autore:
Matteo Larini

VERSTAPPEN QUARTO Partito dalla quarta posizione, l’olandese della Red Bull ha ottenuto lo stesso risultato in gara, riuscendo a battere una delle due Ferrari, quella di Sebastian Vettel, scattato dalla settima casella. L’olandese, a tratti, è parso avere un ritmo non troppo diverso da quello di Leclerc: “Charles è rimasto davanti a me a 5 o 6 secondi per buona parte della gara, ho cercato di spingere per eguagliare i suoi tempi, non ero proprio da solo” ha riferito Verstappen ai colleghi di Sky, per poi aggiungere: “Il quarto posto è un buon risultato, posso dire di essere contento perché ho concluso davanti a una delle Ferrari su una pista a noi poco adatta, nel secondo stint il passo era buono ma ad un certo punto ho ‘perso’ le gomme posteriori quindi ho semplicemente cercato di portarla a casa, forse ho spinto troppo per cercare di tenere il passo di Leclerc”.

MOTORE NUOVO Max aveva anche a sua disposizione un nuovo propulsore portato appositamente dalla Honda, che però non sembra dare ancora i risultati sperati: “Il nuovo motore è sicuramente un passo avanti, ma manca ancora un po’ di velocità massima e potenza, nonostante la buona partenza non potevo attaccare o difendermi. Ci manca anche un po’ di aderenza, dobbiamo lavorare su entrambi questi aspetti” ha concluso il ventunenne.

GASLY UNDICESIMO Ancora una volta, e proprio quando sarebbe servita una prestazione di rilievo davanti ai suoi tifosi, il francese della Red Bull ha vissuto un weekend da incubo. Partito nono, il transalpino è riuscito nella triste impresa di peggiorare ulteriormente la sua prestazione, concludendo addirittura fuori dalla zona punti. Pierre è ovviamente deluso per quanto fatto in pista: "Questa è stata una giornata lunga e difficile e sono deluso, specialmente qui in Francia. Sin dalle qualifiche ho faticato col grip, ed è stato lo stesso in gara. Al momento non so il perché, ma sono sicuro che analizzeremo tutto per capire esattamente perché ci è mancato il passo".

MANCAVA GRIP Nonostante gli sforzi profusi, il risultato non è arrivato, e non resta altro che spingere per tornare più forti:  ì"Ho provato a fare tutto ciò che potevo all'interno della vettura ma non ho potuto spingere, scivolavo tanto. Non ho mai sentito davvero l'auto così e con l'Austria in arrivo, dovremo lavorare sodo con i ragazzi per mettere tutto insieme. Honda sta spingendo molto e sicuramente stanno sviluppando, quindi questo è positivo".


TAGS: red bull f1 verstappen gasly f1 2019 RB15 FrenchGP 2019 Le Castellet