F1, GP Miami 2022, le pagelle di Miami
F1 2022

GP Miami 2022, le pagelle di Miami


Avatar di Simone Valtieri , il 08/05/22

2 settimane fa - Le pagelle di MotorBox dopo il GP di Miami 2022 in Florida

Le pagelle di MotorBox dopo il GP di Miami 2022 in Florida: Verstappen due spanne sopra agli altri! Bravi i ferraristi e Russell, che caos Gasly
Benvenuto nello Speciale MIAMIGP 2022, composto da 25 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MIAMIGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

LE PAGELLE DI MIAMI Per la prima volta nella storia la Formula 1 sbarca a Miami per l'omonimo Gran Premio di Miami di Formula 1. Di seguito troverete i voti e le pagelle dei 20 piloti che hanno partecipato al GP in Florida.

Clicca qui per leggere la cronaca del GP di Miami, vinto da Max Verstappen

MAX VERSTAPPEN - VOTO 10 C'è un pilota in questo momento migliore di chiunque altro in Formula 1 ed è Max Verstappen. In partenza beffa subito Carlos Sainz, mettendosi a studiare le traiettorie di Charles Leclerc. Al primo accenno di graining sulla monoposto del rivale, ne approfitta, lo passa e piano piano se ne va. Con la sosta ai box guadagna altri secondi. Ci prova la Safety Car a fargli perdere la gara, ma lui resiste come un leone ogni giro alla pressione di Leclerc e va a vincere, senza farsi attaccare e guadagnandosi, nel frattempo, anche il giro veloce. Implacabile.

CHARLES LECLERC - VOTO 8,5 La sensazione è che abbia fatto tutto quello che poteva per vincere il Gran Premio, anche suggerire alla Ferrari la mossa vincente (durante la Safety Car, ha chiesto subito di rientrare per montare Hard nuove), ma ai box hanno deciso di tenerlo dentro per dargli la possibilità di lottare ad armi pari nel finale con Verstappen. Peccato che Max non sia propriamente l'avversario più facile da passare neanche ad armi ''impari'', figuriamoci ad armi pari. La testa del mondiale è sempre sua, ma Max gli rosicchia altri 8 punti.

CARLOS SAINZ - VOTO 7,5 Scattando dalla seconda casella era prevedibile sarebbe stato difficile tenere dietro Verstappen, ma perde la posizione subito, alla prima curva. Dopodiché fa una discreta gara, non ha il ritmo di Leclerc, ma riesce a tenere a bada senza grossi problemi Perez, anche nel finale, quando non lo fanno rientrare ai box durante la Safety Car mentre il rivale la sosta l'ha fatta e ha gomme Medium fresche. Ecco, il mezzo punto è per questo motivo qui, per come ha tenuto a bada il messicano, anche in un tentativo di sorpasso estremo provato in curva-1 da Perez, quando è stato freddo nel farlo sfilare e incrociare le traiettorie.

SERGIO PEREZ - VOTO 6 Non una gran giornata per Checo, l’unico guizzo è stato il tentativo disperato di passare Sainz nel finale. In precedenza era scattato dalla quarta posizione mantenendola fino alla sosta ai box del 28° giro senza mai insidiare la Ferrari innanzi, anzi... (con anche un problema tecnico al 20° giro che gli aveva fatto perdere qualche secondo. Nel finale però, con un vantaggio di gomma importante, e anche di velocità in rettilineo, non è riuscito a fare

VALTTERI BOTTAS - VOTO 7 Valtteri perché? Questo è masochismo. Il finlandese, dopo una gara bellissima, sempre in quinta posizione e senza patemi, tenendo dietro con facilità il suo vecchio compagno Lewis Hamilton, commette un errore senza senso e si fa infilare da entrambe la Mercedes, anche da quella di chi gli ha soffiato il posto. Il settimo risultato, alla vigilia, sarebbe stato sottoscrivibile, ma per com’è andata la gara non lo farà dormire con tranquillità.

GEORGE RUSSELL - VOTO 8 Partiva indietro, aveva una buona macchina, e dunque non poteva fare altro che mettere le gomme Hard e pedalare, pedalare, pedalare fino a una Safety car che, alla fine, è arrivata. E allora sosta, gomme fresche, e dalla settima piazza si toglie lo sfizio di vincere una bella battaglia con il caposquadra Lewis Hamilton, godendo anche per la posizione regalata da Bottas. Con la quinta posizione si mantiene in quarta piazza in classifica, con una costanza impressionante.

LEWIS HAMILTON - VOTO 6 Dopo aver sbagliato la partenza, Lewis riesce nella prima parte di gara a rimettersi in carregiata, superando Alonso dopo un lungo e Gasly senza patemi. Poi, però, non ha il passo per riprendere Bottas. L’occasione gli arriva con la Safety Car, lui voleva fermarsi ma lo hanno lasciato fuori, e così è diventato facile (o quasi) preda di Russell, che si è preso la soddisfazione di battere in pista (anche se con vantaggio di gomma) il compagno di squadra. La sesta piazza non è sicuramente quella per cui vuole lottare Lewis. Di questo weekend salverà, forse, solo la foto con Michael Jordan, Tom Brady e David Beckham.

GLI ALTRI IN BREVE

FERNANDO ALONSO - VOTO 6,5 Il problema al pit-stop gli ha un po’ complicato la gara, facendolo rientrare nella bagarre. Poi i 5” di penalità per il contatto con Gasly. Alla fine il nono posto è persino buono, vista la giornata...

VEDI ANCHE



ESTEBAN OCON - VOTO 8 Come Russell, ma in proporzione: parte 18°, recupera fino all’ottava posizione senza sostare, poi grazie alla Safety Car, mantiene la sua posizione e tiene dietro il compagno Alonso. Rimonta completata!

ALEX ALBON - VOTO 8 Per la strategia, leggasi le pagelle di Russell e Ocon. Lui però lo fa con una Williams, e dunque la decima posizione vale doppio! Va bene la fortuna con la Safety Car, il resto – e non è poco – ce lo mette lui.

MICK SCHUMACHER - VOTO 5 Ahi ahi Mick! Eravamo pronti a un bel voto, in un weekend nel quale ha messo sotto il compagno Magnussen. Nel finale però, silura letteralmente l’amico Vettel, rovinando la gara di entrambi.

SEBASTIAN VETTEL - VOTO 7 Se ne va da Miami col sorpasso più bello (su Latifi) di una gara tutta in salita. Rimesso in gioco dalla Safety Car, era in zona punti, ma è stato messo nuovamente fuori gioco dall’allievo Mick.

DANIEL RICCIARDO - VOTO 4,5 La McLaren ha sofferto parecchio su questa pista, ma lui non c’è mai stato, né in qualifica né in gara. Alla fine sfiora pure la zona punti, ma in questo caso, è, per l’appunto, solo un caso.

KEVIN MAGNUSSEN - VOTO 5 Per la prima volta in difficoltà con il compagno di squadra (che ha anche rallentato in pista) e con la pista. In gara non è stato né fortunato, né scaltro, e la penultima posizione lo attesta.

LANCE STROLL - VOTO 5,5 Partito dai box come il compagno Vettel, stava facendo una discreta gara, sempre davanti al tedesco ma non è stato fortunato. La sufficienza sulla fiducia che possa fare meglio partendo più avanti.

PIERRE GASLY - VOTO 6 Stava facendo una gara discreta, poi il contatto con Alonso gli aveva fatto perdere la top ten. Dopodiché commette un errore quando era però in crisi con il retrotreno, rovinando la gara di Norris e la sua.

LANDO NORRIS - VOTO 5 Scattava ottavo, ma la strategia e il traffico lo hanno messo nella parte bassa del gruppo. Era 14° quando è successo il patatrac con Gasly... comunque insufficiente.

GUANYU ZHOU - VOTO SV Scatta dalla 15° posizione, ne recupera una al via ma poi si ritira per un problema tecnico. Peccato, vista anche la bella gara fatta dal compagno Bottas.

YUKI TSUNODA - VOTO 5 Nella prima parte di gara soffre molto, passato da chiunque, nella seconda si mette a posto ma non è mai né a livello degli altri, né del compagno.

NICHOLAS LATIFI - VOTO 5 Una comparsa del GP, non arriva ultimo solo a causa dei problemi di Magnussen per tutto il weekend, e dell’incidente tra Vettel e Mick. Mentre il suo compagno fa punti.


Pubblicato da Simone Valtieri, 08/05/2022
Tags
MiamiGP 2022
Logo MotorBox