INDISCREZIONI Non è stato diramato alcun comunicato ufficiale al termine della riunione dello Strategy Group che mercoledì a Parigi ha visto protagonisti FIA, FOM e team decidere circa il futuro della Formula 1. Alcune indiscrezioni sono comunque trapelate e hanno sostanzialmente confermato quanto riportato negli scorsi mesi: ci sarà il budget cap mentre è stata congelata l'idea delle Qualyfing Race. Sul lato tecnico le auto avranno poche parti standard ma in grado di limitare l'effetto scia, mentre la Ferrari torna da Parigi con una vittoria: il diritto di veto è stato mantenuto.

F1 GP Giappone 2019, Suzuka: la partenza

LAVORO CORALE Vediamo nel dettaglio: in quattro ore di riunione a porte chiuse nella sede della FIA in Place de la Concorde con Jean Todt a fare da padrone di casa, Federazione, team e istituzioni automobilistiche hanno trovato un accordo di massima su molti temi. Liberty Media - i proprietari del carrozzone - e la Federazione, hanno lavorato senza strappi al fine di ottenere il più ampio consenso possibile e non stuzzicare la Ferrari, ancora determinante grazie al diritto di veto maturato per la storica partecipazione al Campionato di Formula 1.

F1 GP Singapore 2019, Marina Bay: Jean Todt (FIA)

VETO MINORE Diritto che peraltro la casa di Maranello ha sostanzialmente mantenuto con alcune limitazioni, come il fatto che in caso di una controversia non possa più ricorrere alla magistratura ordinaria, ma esclusivamente alla Corte d'Appello della FIA. Un secondo cambiamento riguarda l'ambito sul quale la Ferrari potrà utilizzare il diritto, ossia nei cambiamenti regolamentari che riguardano la Finanza, le Power Unit, e il DNA della Formula 1. Un merito nel mantenimento del diritto di veto va a Mattia Binotto - riporta la Gazzetta dello Sport - che ha saputo negoziare con saggezza.

F1 GP Singapore 2019, Marina Bay, Mattia Binotto (Ferrari)

NOVITÀ ECONOMICHE La novità più grande riguarda l'approvazione del budget cap. Non sono trapelati molti dettagli, ma il tetto dei 175 milioni di dollari esclusa logistica, marketing e stipendi dei top manager e dei piloti, è stato cofermato. Approvata anche una nuova ripartizione delle risorse, più equa e meno sbilanciata verso i primi tre team in classifica, che perderanno circa il 15% complessivo dell'incasso a favore dei team che giungeranno dal 4° al 6° posto. Resta invece sostanzialmente invariata la ripartizione per gli altri team.

Formula 1 2021 Concept Car

NOVITÀ TECNICHE Sul lato tecnico confermate pressoché tutte le novità espresse nei mesi scorsi. Le nuove auto saranno costruite per "non sentire" l'effetto scia e dunque essere in grado di mantenere più a lungo le gomme, il tutto per favorire i sorpassi. Limitata invece la ingente standardizzazione dei pezzi paventata. Saranno pochi particolari a riguardare la novità, come mozzi e dadi e si potrà continuare a utilizzare fornitori diversi. Infine la Qualyfing Race, la novità prevista per movimentare alcuni GP dove è più problematico sorpassare, facendo partire i piloti in ordine inverso di classifica in una mini-gara al sabato per generare la griglia di partenza della domenica. La proposta è stata congelata a causa dell'opposizione netta di un paio di team.


TAGS: ferrari fia fom Liberty Media formula 1 2021 Strategy Group Budget cap regole F1 2021 qualifying race Regole Formula 1 2021