Confronto

Ducati Hyperstrada vs BMW F 800 R


Avatar Redazionale , il 12/08/13

8 anni fa - Turistiche per caso

Tempo di vacanze, tempo per dedicarsi alla propria passione, ovvero la moto. Nella moltitudine delle due ruote con borse ci sono anche la Ducati Hyperstrada e la BMW F 800 R, due moto che interpretano il turismo in un modo tutto loro

Benvenuto nello Speciale TUTTE LE PROVE MOTO DEL 2013, composto da 73 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario TUTTE LE PROVE MOTO DEL 2013 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

PRONTI VIA! Arriva agosto ed è finalmente tempo di dedicarsi un po’ a sé stessi. Dimenticare le rogne al lavoro, in casa, in famiglia o semplicemente cercare lo svago. Prendere e partire, anche solo per il gusto di farlo senza una meta precisa. E oggi come oggi le proposte a due ruote per soddisfare la voglia di viaggiare non mancano di certo. Due di queste, la Ducati Hyperstrada e la BMW F 800 R, sono interpreti del turismo a medio raggio ma in maniera molto particolare, a livello estetico e dinamico.

DIVERSE DENTRO D’altra parte, il confronto tra la Ducati Hyperstrada e la BMW F 800 R è quantomai azzardato già solo guardandole lì, parcheggiate davanti alla redazione. L’italiana è la new school, per quelli che anche se si fa un po’ di turismo non vogliono rinunciare al DNA sportivo. Linee taglienti, sguardo minaccioso, tutto fa pensare a una guida d’attacco. Il fatto che ci siano appese un paio di borse, da 25 litri ciascuna, e un parabrezza rialzato sembra quasi uno sbaglio. La tedesca, invece, è molto più pacata: le borse e il cupolino, più estetico che funzionale, si integrano perfettamente nelle sue linee armoniose anche se ormai non più fresche di giornata.

ITALIAN STYLE I primi giorni di prova li passo in sella alla Ducati Hyperstrada, la più sportiva delle due. E per non essere frainteso, lo dico subito: in Ducati, almeno nei prodotti stradali, hanno preso la direzione giusta, riuscendo ad ammorbidire il carattere troppo irruento e difficile dei propri modelli mantenendo però vivo il cuore di Borgo Panigale. Cosa intendo? La frizione è di burro, il motore è in grado di scendere a regimi bassi senza strattonare come un torello e la posizione di guida è quasi naturale, almeno più di quella della precedente Hypermotard. Rimangono però il sound del desmo, la frenata aggressiva e tutte quelle cosine che i ducatisti tanto amano.

VEDI ANCHE



TURISMO? CI PENSO Se però mi chiedessero così, al volo, che moto sceglierei per un viaggio, molto difficilmente opterei per la Ducati Hyperstrada. È vero, la posizione è più naturale e comoda che in passato e c’è anche un bel parabrezza ma si rimane comunque parecchio esposti al vento. Busto eretto e braccia tese e larghe non sono certo un bel biglietto da visita per una macinachilometri. Tuttavia, a dispetto della sua indole sportiva, il motore sa essere un vero agnellino: tolto il Riding Mode Race, nelle altre mappe risponde al comando del gas con precisione chirurgica e, soprattutto, non strappa e vibra pochissimo. Probabilmente, in questo senso è uno tra i migliori bicilindrici mai usciti dai capannoni di Borgo Panigale.

“STRADA”, NEW CONCEPT Il concetto Strada per gli uomini Ducati è abbastanza chiaro: prendere un modello sportivo ed emozionante e renderlo buono anche per qualche scampagnata fuori porta, senza ambire a improbabili tappe marathon da globetrotter. E molti dettagli dell’Hyperstrada lo confermano: le borse non sono particolarmente capienti ma soprattutto non si possono chiudere se non con un lucchettino ad hoc. L’eventuale passeggero inoltre non sarà mai troppo rilassato, essendo parecchio alto e appollaiato.

GUSTO ITALICO In compenso, quando la strada s’arriccia l’Hyperstrada è un attrezzo davvero accordato: il motore, potente ma fluido, tira sempre fuori dalle curve, in qualunque marcia, non venendo però a mancare anche quando si allunga fino all'ultimo dei giri. Anche la ciclistica è molto a punto, sia a livello di taratura delle sospensioni sia come quote ciclistiche. L’Hyper, infatti, scorre bene in curva, stabile e precisa, e l’avantreno corre rapido a prendere la corda. Questo forse sarà causa di qualche rossore per i meno scafati, quelli che dalla moto cercano anche facilità e che potrebbero scambiare la sua voglia di scendere in curva come un eccesso di nervosismo. Non è così, con l’Hyper bisogna solo entrare in confidenza, capire dove poggiare le terga (anche se la sella obbliga un po’ la posizione), come utilizzare il corpo in curva e tutto diventa magico ed emozionante, oltre che efficace.

TEDESCHIA CASA MIA Dopo una settimana di guida ignorante ma con le valigie e il parabrezza, è il momento di passare alla BMW F 800 R. Tutto è subito più pacato: l’inclinazione del busto, il rumore allo scarico, la sella larga, tutti i componenti fanno sì che siate rilassati, sciolti, nulla è pensato per emozionare al primo sguardo/tocco. In compenso, le valigie laterali sono simili all’italiana: poco spazio ma comunque utile a caricarci lo stretto indispensabile per una gitarella. Qui ci sono anche un pratico soffietto per ampliare la capacità all'occorrenza e una serratura per tenere il contenuto al sicuro. Non è poco, specie se pensa a un uso anche quotidiano.

TENERINA Il comportamento in strada non potrebbe essere più diverso tra le due moto: la BMW infatti non emoziona per il sound o per l’erogazione gasante, ma tutto è ben accordato e regolare. Sembra voler esaltare più le vostre doti di motociclista piuttosto che emozionarvi con effetti speciali. Il motore ha parecchia birra in meno della bolognese (circa 30 cavalli), ma è campione di regolarità di erogazione. La ciclistica non è così svelta ma è più intuitiva, fai qualche metro in sella e te la senti subito in mano. È proprio questa la differenza tra le due “turistiche”: mentre l’italiana tenta in tutti i modi di stupirvi, di farvi scendere gasati e ingorilliti, la naked di Monaco rimane pacata come uno studente modello, senza particolari gingilli - come le mappe motore - ma offrendo comunque controllo anche nella guida spigliata. Con il surplus di una sella comoda per davvero, di borse rigide e di un posto vero per l’eventuale passeggero. Da notare, invece, i consumi particolarmente buoni per entrambe: con la BMW soprattutto ma anche con la Ducati non è difficile percorrere 20 km/litro.

TURISMO? MMM Alla fine, entrambe le moto mi hanno lasciato perplesso sul farci del vero turismo. Alla Ducati non mancano il motore e lo spazio per lo stretto indispensabile, oltre a un cupolino che protegge a sufficienza. Ma la sella un po’ scomoda, la posizione così particolare e altri piccoli dettagli la rendono un po’ troppo fun per pensare a lei come compagna ideale in lunghe tratte autostradali. La BMW si avvicina di più al concetto di mid-tourer: comoda, rilassante, le manca giusto un po’ di colore e di carattere per essere davvero completa. Cuore o cervello, insomma? A voi la scelta.


Pubblicato da Alessandro Codognesi, 12/08/2013
Gallery
Tutte le prove moto del 2013
Logo MotorBox