Pubblicato il 27/03/21

BANDIERA GIALLA Sembra essere ancora il 2020 per il povero Sebastian Vettel. Il tedesco ha concluso le qualifiche del GP Bahrain 2021 con un terribile diciottesimo tempo, davanti solo alla giovane coppia di piloti della Haas. Determinante per il suo risultato finale il caos avvenuto negli ultimi istanti della Q1, quando in pista c'era proprio la monoposto di Nikita Mazepin ferma in fondo al rettilineo del traguardo e la Ferrari di Carlos Sainz che procedeva lentamente nel settore centrale, con conseguenti bandiere gialle esposte.

ROULETTE RUSSA E proprio il rookie russo ha avuto un ruolo determinante nel rovinare il giro decisivo della prima eliminatoria di molti piloti, combinando un disastro già nel suo giro di lancio. Mazepin, infatti, nel rettilineo che precede l'ultima curva del circuito di Sakhir ha superato diverse monoposto che si stavano distanziando prima del tentativo cronometrato e si è poi girato in testacoda alla staccata di curva 1. Bandiera gialla esposta e subito un problema per chi aveva iniziato il giro dietro di lui.

F1, GP Bahrain 2021: Sebastian Vettel (Aston Martin)

IMPOSSIBILE MIGLIORARE Tra i più danneggiati senz'altro Esteban Ocon e Sebastian Vettel, piloti al volante di monoposto con potenziale da Q3 come poi dimostrato dai loro compagni di squadra Fernando Alonso e Lance Stroll che domani partiranno entrambi dalla quinta fila. Vettel, pur senza fare nomi, non ha nascosto la sua frustrazione: ''Penso che ci fosse il potenziale per essere molto più veloce. Siamo appena riusciti a passare prima della bandiera a scacchi, poi abbiamo avuto il problema con le bandiere gialle, quindi era un po' impossibile migliorarsi. Penso che abbiamo ancora molto lavoro davanti a noi: avremmo sperato in una partenza migliore, ma è quello che è e speriamo di fare una bella gara''.

RABBIA MA NIENTE PANICO Sicuramente Vettel non si augurava di iniziare così male la sua avventura con l'Aston Martin. Il tedesco ammette di essere arrabbiato, ma non si fa prendere dal panico per un risultato legato anche a fattori esterni: ''Se dovessi farmi prendere dal panico ora sarebbe d'aiuto? Di sicuro sono sconvolto e arrabbiato, perché non è stata colpa nostra non farcela, ma dobbiamo accettarlo e fare ciò che possiamo per prepararci per domani''.

 


TAGS: aston martin vettel f1 BahrainGP 2021