Autore:
Matteo Larini

PRIMA FILA MERCEDES Fino all’incidente di Charles Leclerc in Q2, tutto lasciava presagire che la Ferrari, soprattutto quella numero 16 del monegasco, avrebbe avuto vita facile nel conquistare la pole position, esattamente come in Bahrain, dove Charles aveva dominato le prove libere. E invece, a gioire è stata ancora una volta la Mercedes, autrice di una prima fila tutta argentata (quello che gli inglesi chiamano ‘front row lock-out’) anche su una pista che, sulla carta ma non solo, doveva essere favorevole alle vetture di Maranello.

POLE AL FOTOFINISH Determinato a riconquistare la leadership di un mondiale che assomiglia sempre di più all’edizione 2016, Valtteri Bottas ha dato seguito alle dichiarazioni rilasciate prima del fine settimana azero conquistando la pole position all’ultimo respiro. Il finlandese, alla fine della sessione, non ha nascosto la soddisfazione: “Sono molto contento, è una bellissima sensazione strappare la pole all'ultimo giro, è stato un bell'ultimo giro. La Ferrari era molto forte ma Charles [Leclerc] ha commesso un errore restando fuori dalla Q3, noi abbiamo fatto un ottimo lavoro come team, per portarci in questa posizione dopo delle prove difficili”.

EFFETTO SCIA? La chiave della grande prestazione del finnico risiede nel terzo settore, dove le scie sono fondamentali. Bottas lo ammette, ma rivendica con orgoglio di essere riuscito a far funzionare le gomme nonostante le condizioni complesse: “All'ultimo giro sono riuscito a sfruttare la scia ma qui è tutta una questione di dettagli, anche in curva, e io sono riuscito a sfruttarli al meglio. Con le basse temperature è stato sempre più complicato portare le gomme in temperatura, non si dovrebbe correre a quest'ora qui a Baku, però in qualche modo sono riuscito a farle funzionare”.

HAMILTON SECONDO Se da un lato del box Mercedes si festeggia, nell’area del campione britannico del team anglo-tedesco l’umore è decisamente diverso. Hamilton è comunque felice per la sua squadra dopo un fine settimana passato a rincorrere le Ferrari: “È stato un weekend molto complicato per noi in cui le Ferrari sembravano incredibilmente veloci: Valtteri ha fatto un lavoro eccezionale ma è un risultato straordinario, quando siamo venuti qui non avevamo aggiornamenti, mentre gli altri, in particolare la Ferrari, li hanno portati”.

FERRARI VELOCE, MA… Nonostante l’assenza di novità aerodinamiche e la grande velocità Ferrari, la prima fila è ancora una volta tutta Mercedes, ed Hamilton lo ricorda, pur tirando in ballo le scie: “[I Ferraristi] sembravano molto veloci ma poi alla fine abbiamo monopolizzato di nuovo la prima fila anche in questa circostanza: ciò mi rende davvero molto grato. Sarà una bella lotta domani. Spero di poter contenere le Ferrari, a livello di passo eravamo più vicini che in qualifica, non so se Sebastian abbia fatto un gran giro o no oggi, qui le scie fanno la differenza”.


TAGS: mercedes vettel Hamilton bottas leclerc f1 2019 AzerbaijanGP 2019