Autore:
Matteo Larini

LECLERC A MURO Dopo aver avuto un inizio di weekend straordinario, in cui ha ottenuto le migliori prestazioni sin dalle PL2 (le PL1 non fanno testo, essendo state interrotte a causa di un tombino fissato male), il monegasco ha commesso un grave errore, andando a sbattere contro le barriere nel punto più difficile del tracciato azero, ovvero la curva-8, il tornantino del castello, chiaramente la curva più stretta del mondiale di Formula 1. L’errore del giovane talento della Ferrari – dovuto allo spiattellamento della gomma anteriore sinistra - ha causato la seconda interruzione di giornata dopo quella causata da Robert Kubica in Q1, finito a muro esattamente nello stesso punto.

DELUSIONE Il monegasco, che già negli attimi successivi all’errore aveva urlato via radio “Sono uno stupido!”, ha parlato ai microfoni di Sky visivamente deluso per l’esito amaro di una sessione di qualifica che, alla luce delle prestazioni del fine settimana, avrebbe potuto concludersi come in Bahrain. Il ventunenne ha ammesso lo sbaglio senza nascondersi: “Onestamente non mi sono accorto di niente fino all'ingresso curva e poi non c’era più niente che potessi fare. Oggi sono stato stupido, lo penso veramente, non devo fare questo, il team merita molto di più, tutti quelli che ci guardano meritano di più, c'era grande speranza in questa qualifica, il weekend non è ancora finito però ho buttato tutto nel cestino. Colpa mia, prendo tutta la responsabilità”.

POTENZIALE POLE La delusione di Charles è dovuta anche al fatto che la sua Ferrari, così come in Bahrain, avrebbe potuto conquistare la pole position. Il monegasco, che spera di far meglio domani, lo ammette chiaramente: “Domani spero di tornare più forte, sicuramente tornerò più forte ma oggi non sono stato all'altezza, sono molto arrabbiato con me stesso soprattutto dopo il weekend avuto fino a ora. Ero sempre primo nelle libere, anche all’ inizio delle qualifiche: c'era il potenziale per fare la pole, è colpa mia”.

LATO POSITIVO Nonostante l’errore che lo ha estromesso dalle qualifiche e forse ha anche indirettamente condizionato il turno di Sebastian Vettel (solo terzo in griglia) che ha ammesso via radio di avere problemi con le gomme con la temperatura più bassa del previsto, Leclerc partirà dalla nona posizione sulla griglia di partenza, con una strategia opposta rispetto al resto della top-10. Il monegasco partirà infatti con le gomme Medium, mentre tutti gli altri partiranno con le gomme a banda rossa: la strategia diversa, unita alla possibilità di superare sul lungo rettilineo, permettono al campione in carica F2 ed alla Ferrari di sperare in una buona prestazione alla domenica.


TAGS: ferrari qualifiche q2 leclerc f1 2019 AzerbaijanGP 2019