Autore:
Salvo Sardina

UN MINUTO Il Gran Premio d’Australia si è concluso da oltre 24 ore, con piloti e addetti ai lavori ormai sulla strada del ritorno verso l’Europa. La Mercedes ha portato a casa il massimo dei punti possibili, centrando una doppietta – con tanto di punto extra per il giro più veloce – decisamente inaspettata alla vigilia di Melbourne. Dal canto suo, la Ferrari ha invece steccato il debutto (qui l’analisi del Gp), chiudendo al quarto e quinto posto con Vettel e Leclerc. A quasi un minuto da Bottas. E se vi dicessimo che tutto sommato è anche andata bene?

REPLAY NASCOSTO Già, proprio così. Perché tutti abbiamo visto che pochi metri dopo il via Seb e Charles hanno rischiato il patatrac, con il monegasco costretto a mettere due ruote sull’erba all’esterno di curva-1 per evitare il contatto con il compagno di squadra. Nessuno però si era accorto che, in realtà, il contatto c’era effettivamente stato. A svelarlo è un replay inedito, non mandato in onda ieri dalla regia internazionale, ma pubblicato solo oggi sugli account social ufficiali della Formula 1.

È ANDATA BENE Le immagini sono riprese dall’abitacolo della monoposto di Max Verstappen, scattato in quarta posizione e subito infilato sulla sinistra dal rivale monegasco (che partiva quinto). Vettel e Leclerc si sfiorano già in curva-1 – come tutti avevamo visto dai replay mandati in onda ieri – ma è poi nel richiamo verso sinistra che avviene il contatto sfuggito agli occhi delle altre telecamere: Charles scivola verso destra, finendo per pizzicare con l’ala anteriore la posteriore sinistra di Seb. Un contatto di lievissima entità, che tuttavia sarebbe potuto bastare per forare la gomma del tedesco e compromettere l’aerodinamica della monoposto di Leclerc. La deludente trasferta di Melbourne poteva avere un epilogo ancora peggiore…


TAGS: ferrari formula 1 vettel melbourne f1 leclerc f1 2019 GP Australia 2019 AustralianGP 2019