F1 Spagna: Ferrari KO, il ritiro di Leclerc non preoccupa Binotto
F1 2022

Ferrari ko, Binotto non si scompone: "Bicchiere mezzo pieno, Leclerc è un vero leader"


Avatar di Salvo Sardina , il 22/05/22

1 mese fa - Le parole a caldo del team principal della Ferrari, Mattia Binotto dopo il GP Spagna 2022

Le parole a caldo del team principal della Ferrari, Mattia Binotto dopo il Gran Premio di Spagna 2022 terminato con il deludente ritiro di Leclerc e il quarto posto di Sainz
Benvenuto nello Speciale SPANISHGP 2022, composto da 25 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario SPANISHGP 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

È un Mattia Binotto più soddisfatto per la prestazione che deluso dal risultato, quello che al termine del GP Spagna 2022 si è presentato ai microfoni di Sky Sport. Il team principal della Ferrari ha commentato il ritiro di Charles Leclerc, tradito dalla power unit poco prima di metà gara, ricordando la velocità della monoposto, che ha dimostrato per tutto il weekend di essere ancora il riferimento in Formula 1: “Il bicchiere non può che essere mezzo pieno, dopo sei gare la F1-75 è ancora molto veloce, abbiamo fatto la pole e poi siamo stati i più forti in pista. Senza il problema sicuramente avremmo vinto, per cui dobbiamo essere contenti per aver costruito una buona monoposto che, almeno a Barcellona, che è un circuito significativo, correva forte in tutte le condizioni. Peccato per l’affidabilità, ma sono orgoglioso dei ragazzi che hanno lavorato a questo progetto”.

F1 GP Australia 2022, Melbourne: Mattia Binotto, team principal Scuderia Ferrari F1 GP Australia 2022, Melbourne: Mattia Binotto, team principal Scuderia Ferrari

LECLERC, PROVA DA LEADER L’ingegnere nato a Losanna ha poi lodato l’atteggiamento di Leclerc che, dopo il ritiro, ha comunque stretto la mano a tutti i meccanici ed è rimasto al muretto, trasmettendo un messaggio di calma e serenità al team: “A Charles faccio i miei complimenti, sta dimostrando di essere maturato molto e quelli visti oggi sono stati atteggiamenti da leader vero. Ha tranquillizzato i ragazzi, è venuto al muretto, ha dato serenità all’ambiente e sta aiutando i ragazzi a lavorare con la giusta attitudine. Ritmo gara? Sono contento, specie dopo due gare in cui avevamo faticato molto sul passo. Questa, poi, era una pista difficile per il consumo delle gomme, che è sempre stata la nostra bestia nera. Stavolta Charles stava gestendo con un buon margine, motivo per cui dobbiamo essere ottimisti per il prosieguo della stagione”.

F1 GP Spagna 2022, Barcellona: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari) F1 GP Spagna 2022, Barcellona: Charles Leclerc (Scuderia Ferrari)

VEDI ANCHE



SAINZ NON È UN PROBLEMA Nessuna preoccupazione neanche per quanto riguarda Sainz, autore di troppi errori in questa prima fase di stagione: “Non c’è un problema Carlos per noi. C’è Charles che sta guidando in modo divino e lui che sta accettando una macchina sovrasterzante anche se ha uno stile di guida più da sottosterzo. Ci arriverà, ne sono convinto perché è uno che sa studiare, guarda i dati. E poi, comunque, si tratta di due o tre decimi di differenza con Leclerc. Anzi, sta a noi dargli una macchina veloce per star davanti comunque a tutti. Lotta fino alla fine della stagione? Non lo so, il campionato è talmente lungo che per il momento non si può dire. Di sicuro però ce la giocheremo nelle prossime gare, poi conteranno gli sviluppi che si riusciranno a fare da qua alla fine della stagione. A oggi abbiamo saputo fare una buona macchina, ma anche svilupparla… Qualora ci fossero dei dubbi su questo, abbiamo dimostrato che siamo in grado di aggiornare in corsa”.

F1 GP Spagna 2022, Barcellona: Carlos Sainz (Scuderia Ferrari) F1 GP Spagna 2022, Barcellona: Carlos Sainz (Scuderia Ferrari)

MERCEDES ANCORA DIETRO Infine, non è mancata anche una considerazione sulla crescita della Mercedes, apparsa in risalita ma comunque alle spalle di Ferrari e Red Bull: “Avere le Mercedes più vicine fa sì che talvolta potranno togliere dei punti a qualcuna delle scuderie in lotta. Oggi, Russell li ha tolti a noi, però c’è da dire che comunque sono arrivati a 30 secondi dal leader, 40 o 45 se ci fosse stato ancora Charles in gara. Quindi, è vero che si sono avvicinati, ma è anche vero che si parla di un divario di 7 decimi al giro su una pista da 1:20 come Barcellona. Poi ci saranno di certo altre circostanze particolari come quelle di oggi, in cui torneranno a toglierci dei punti. Monaco? Bene che si corra già domenica, ci permette di rituffarci subito sulla prossima sfida. A casa di Charles, che ci tiene molto, ma ci teniamo molto anche noi. Vogliamo mantenere in vita questo campionato”.


Pubblicato da Salvo Sardina, 22/05/2022
Tags
SpanishGP 2022
Logo MotorBox